"Il Parco Muro delle Lame è in uno stato di abbandono" - Sporcizia e siringhe nell’area attorno alla pista di atletica
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


27 maggio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   L'angolo dei lettori 22/07/2013

"Il Parco Muro delle Lame
è in uno stato di abbandono"

Sporcizia e siringhe nell’area attorno alla pista di atletica

Una siringa gettata nell'area del ParcoIl Parco Muro delle Lame, ritrovo degli sportivi vastesi, continua ad essere lasciato all'abbandono. Riceviamo la segnalazione di un nostro lettore, corredata da foto.

"Un turista e molti cittadini si sono lamentati delle condizione in cui versa l'esterno del parco Muro delle Lame. Dietro ai campi da tennis, dopo la rimozione delle catene che impedivano il passaggio alle auto/moto, troviamo rifiuti che fanno pensare a situazioni sicuramente diverse dal fare jogging.

In diversi punti della Parco sono tornati ad essere una discarica abusiva e un luogo dove i tossici trovano libero sfogo. Il tutto mentre in questi giorni la Scuola arbitri, alcune società di calcio si ritrovano la sera per preparazione atletica e la dott.ssa D'Adamo Valentina fa avviamento allo sport ai ragazzi del posto. La sera, infatti, il Parco raggiunge anche più di cento presenze tra podisti e atleti di ogni disciplina. Da segnalare, infine, la presenza smisurata di zanzare e altri insetti: segnale che la disinfestazione non è stata fatta al Parco. Tutto questo non è propriamente un bel biglietto da visita sia per i propri cittadini che amano e frequentano quel meraviglioso posto, ossia per i turisti che anche loro frequentano l'unico parco sportivo della Città".
Guarda le foto

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi