Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


23 aprile 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Cronaca 18/06/2013

Assalto al portavalori, dal Ris
le prove decisive sul dna

Il processo

Auto incendiate dopo la rapinaSaranno gli esperti del Ris a chiarire se sono gli indagati i responsabili dell'assalto al portavalori avvenuto il 14 dicembre 2012 sul tratto vastese dell'autostrada A14. Tracce di sangue trovate sulle auto utilizzate nella fuga e saliva rinvenuta sui mozziconi di sigaretta: da questi elementi biologici i carabinieri del Reparto investigazioni scientifiche di Roma sono partiti per giungere ai risultati che a breve verranno messi a disposizione del giudice monocratico, Anna Rosa Capuozzo, nell'ambito del processo con rito immediato che si svolge presso il palazzo di giustizia di Vasto.

Quel 14 dicembre il tratto vastese dell'A14 è stato messo a ferro e fuoco alle 8 del mattino, quando la banda armata di kalashnikov ha crivellato di colpi il furgone portavalori della società Aquila di Ortona, dissminando l'asfalto di chiodi a cinque punte.

Costrette a fermare il blindato e a scendere, le guardie giurate sono state disarmate dai rapinatori che, con le seghe circolari, hanno aperto il tettuccio del blindato come una scatona di tonno e prelevato 600mila euro e 3mila franchi svizzeri. Ma qualcosa è andato storto durante la precipitosa fuga verso il meridione, cominciata dopo la sosta di parte del commando in un garage di San Salvo.

Polizia e carabinieri sono riusciti a recuperare 250mila euro e alcune armi. I militari hanno eseguito due arresti nelle ore immediatamente successive, mentre il terzo è scattato a distanza di pochi giorni. Gli indagati, in tutto, sono 19. Il 2 luglio l'udienza  in Tribunale.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi