Ingiustamente accusati di furto a Vasto Marina, conviventi assolti - Vie legali - La sentenza
Scopri di più CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


1 dicembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Cronaca 14/06/2013

Ingiustamente accusati di furto
a Vasto Marina, conviventi assolti

Vie legali - La sentenza

Accusa di tentato furto: non hanno commesso il fatto. Accusa di minacce: il fatto non sussiste. Con queste formule il giudice monocratico del Tribunale di Vasto, Michelina Iannetta, ha assolto una coppia vastese al termine di una vicenda legale durata tre anni.

La ricostruzione dei fatti - E' il mese di ottobre del 2010, quando i due conviventi, 43 anni lui e 33 lei, si trovano a Vasto Marina, in viale Dalmazia. Un uomo si avvicina a loro, accusandoli essere lì per forzare l'auto della sua fidanzata, parcheggiata nelle vicinanze, nel tentativo di rubare la vettura.

I due negano, ma subito arriva anche la proprietaria della macchina. "Ha detto di averli visti danneggiare la Fiat Uno, perché volevano mettere a segno un furto. In quel momento l'automobile risultava avere le portiere non serrate dalla chiusura di sicurezza", racconta l'avvocato difensore, Gianni Menna.

La proprietaria e il suo fidanzato telefonano al 113. Sul posto interviene una volante del Commissariato di via Bachelet. "Gli agenti - dice il legale - hanno accertato l'inesistenza di segni di effrazione". Ma la titolare della vettura decide di sporgere ugualmente denuncia.

Gianni MennaGli indagati vengono rinviati a giudizio con due ipotesi di reato: tentato furto e minacce, quest'ultima accusa viene formulata perché, a detta dei denuncianti, il 43enne e la 33enne avrebbero usato parole grosse per convincerli a non chiamare il 113. 

La vicenda legale dura tre anni. Nell'ultima udienza, la pubblica accusa, rappresentata dal pm Francesca Barbieri, chiede la condanna a un anno di reclusione.

Il giudice, Michelina Iannetta, accoglie la tesi difensiva, assolvendo gli imputati con formula piena.

"Giustamente - commenta Menna - il Tribunale ha riconosciuto l'infondatezza delle accuse, non c'era nessun elemento che potesse provarle. Nei confronti dei miei assistiti sono state fatte insinuazioni che non rispondono al vero".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi