Rubati i cavi dalla linea Enel, il paese va avanti coi generatori - I carabinieri indagano sull’episodio
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


9 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Scerni   Cronaca 06/06/2013

Rubati i cavi dalla linea Enel,
il paese va avanti coi generatori

I carabinieri indagano sull’episodio

foto repertorioE' stato necessario il tempestivo impiego dei generatori di corrente per evitare che due frazioni nei comuni di Scerni e Atessa rimanessero senza luce. Durante la notte una banda di malviventi ha rubato 850 chili di cavi di rame, per una lunghezza complessiva di 1350 metri, dalle linea elettrica che interessa le località Villa Marcucci del comune di Atessa e Le Castellane del comune di Scerni.

"La corrente è andata via questa notte verso l'una -spiega il sindaco di Scerni Giuseppe Pomponio-, lungo il corso principale del paese e in un pao di contrade. Questa mattina alle 8.30 sono arrivati gli operai dell'Enel che con dei grossi generatori hanno ripristinato il servizio". 

Si andrà avanti con il supporto dei generatori fino a quando i cavi dell'alta tensione rubati non verranno ripristinati e la linea rimessa in funzione. Sul posto i carabinieri delle stazioni di Atessa e Scerni che hanno avviato le indagini per risalire ai responsabili del gesto.

 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     

    Necrologi


      Chiudi
      Chiudi