Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


18 giugno 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Cronaca 22/05/2013

Corso Garibaldi, traffico in tilt
in mattinata: scoppia la protesta

Tubature colabrodo

Il cantiere in corso GaribaldiIl terzo giorno di lavori è stato quello dei maggiori disagi. Traffico in tilt stamani in corso Garibaldi, nel centro di Vasto, dove sono in corso i lavori di risanamento e potenziamento delle reti fognarie colabrodo. Negli ultimi due anni la sede stradale è stata scavata più volte per sostituire tratti di tubatura che avevano ceduto.

Il problema è annoso. Si trascina irrisolto da un decennio. Nell'estate 2003, infatti, due voragini si aprirono nel giro di poche centinaia di metri, una all'incrocio con piazza Verdi, l'altra di fianco al municipio. 

Ma le riparazioni sarebbero state eseguite con materiali non duraturi. Lo scorso anno, infatti, di fronte a una delle tante falle e alla necessità di intervenire immediatamente, era stato il responsabile dell'ufficio Servizi del Comune, Ignazio Rullo, a rivelare la presenza nel sottosuolo di tubi che hanno una resistenza garantita per un solo decennio: 2003-2013, a distanza di 10 anni esatti ecco la necessità di sostituire le condotte che stavano via via cedendo.

Problemi al traffico - La sede stradale è parzialmente ostruita dal cantiere. Ruspe e camion hanno iniziato a lavorare lunedì. La circolazione è consentita solo nella direzione piazza Rossetti-piazza Verdi. Dalla parte opposta possono passare solo gli autobus urbani.

"Ma con quella strettoia la strada è diventata una giungla. Il senso unico alternato ci obbliga a lunghe attese, soprattutto nelle ore di punta, quando siamo costretti ad aspettare il passaggio di decine e decine di macchine", protestano i conducenti dei mezzi urbani. E i passeggeri si spazientiscono perché arrivano in ritardo. "A nessuno - fanno notare gli autisti dei bus - è venuto in mente di installare un semaforo provvisorio o di mandare un vigile urbano a regolare il traffico almeno nelle ore in cui il traffico diventa caotico. Nel primo pomeriggio, inoltre, ci è stato comunicato che, a causa di un ulteriore restringimento della carreggiata, non c'era più spazio per i mezzi pubblici. Di conseguenza, abbiamo dovuto modificare il percorso, con conseguenti, ulteriori disagi per gli utenti".

Tre settimane di lavori - Corso Garibaldi sarà un cantiere aperto per 20 giorni.

Lo ha annunciato il sindaco, Luciano Lapenna, in un comunicato in cui annuncia che "fino a fine lavori è istituito il senso unico in corso Garibaldi, con direzione sud-nord, dall’intersezione con Via Cuneo all’intersezione con Via Madonna dell’Asilo, con esclusione dei mezzi di trasporto pubblico, ed il divieto di transito e di sosta in Via Gorizia, Via Pola e Via Cuneo.
Nell’ordinanza è previsto l’obbligo di svolta a sinistra (direzione Piazza Verdi) per i veicoli in transito su Via Padova, Via Ravenna e Via Treviso.
L’obbligo di svolta a destra (direzione Piazza Verdi) è invece previsto per i veicoli in transito su Via Ancona e per quelli in uscita dal Piazzale Histonium.
I lavori inizieranno lunedì, dureranno venti giorni e prevedono anche il rifacimento dell’asfalto, dell’arredo urbano e delle aree verdi. L’amministrazione comunale si scusa con la cittadinanza per eventuali disagi causati dai lavori, nella convinzione di operare per rendere la città più bella e più efficiente".

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi