"Raccogliamo le firme per far dimettere il sindaco" - Il caso - Progetto per Vasto all’attacco
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


18 gennaio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Politica 18/05/2013

"Raccogliamo le firme
per far dimettere il sindaco"

Il caso - Progetto per Vasto all’attacco

Una raccolta di firme per chiedere al sindaco di Vasto, Luciano Lapenna, di dimettersi. "Ne abbiamo già 200. L'obiettivo è arrivare a mille", spiega Massimo Desiati, leader di Progetto per Vasto, il movimento politico che ha avviato l'iniziativa Dimissioni del sindaco. Un atto d'amore per Vasto e ora chiama a raccolta i partiti d'opposizione, cui "chiediamo di aderire perché questa è la discriminante tra chi fa opposizione vera e chi fa opposizione di facciata". Durante la conferenza stampa nella Sala del Gonfalone del municipio, Desiati è affiancato da Valerio Ruggieri, coordinatore di PpV, e da Andrea Bischia, consigliere comunale.

Il primo cittadino e i suoi alleati "hanno tutti gli strumenti per governare. Perché non governano?" chiede Valerio Ruggieri, che poi elenca una serie di problemi irrisolti: il lungomare nord che sta franando, l'area archeologica di piazza Rossetti, il regolamento per i dehors. Poi attacca il centrosinistra sulle polemiche di Luigi Marcello (Giustizia sociale), che poi ha fatto marcia indietro: "C'è un limite alla decenza. Dire quelle parole in Consiglio comunale e poi smentire 24 ore dopo dimostra che ormai siamo alle comiche finali". E sulla polemica, sollevata proprio da Marcello, sulla non vastesità del sindaco, Desiati interviene dando un colpo al cerchio e uno alla botte: "Ci si logora di questi tempi a fare i pubblici amministratori. Per amministrare ci vuole il cuore, non necessariamente lo ius soli", dunque non necessariamente la vastesità. 

Progetto per Vasto ha distribuito un documento in cui elenca 26 punti dolenti della Giunta di centrosinistra. Sulla base di questi, PpV avvia la petizione.

I punti dolenti - I 26 problemi su cui si basa la raccolta di firme: sicurezza; commercio; traffico stradale; urbanistica ("norme tecniche di attuazione carenti. Mancata variante al Prg"); apparato amministrativo ("nessuna rivisitazione della pianta organica"), trasporti, centro storico ("spopolamento, degrado della residenzialità, inefficacia della chiusura al traffico nelle aree Ztl, nessun intervento di sostegno alle ristrutturazioni"); turismo ("nessun intervento, carenza di promozione del territorio, eventi stabili, cartellone estivo"); servizi sociali ("diminuzione del personale"); quartieri, frazioni e periferie ("nessun intervento per Vasto Marina, San Rocco, San Sisto, Villaggio Siv e altre zone del territorio comunale"); dehors per i pubblici esercizi; mercato coperto di Vasto Marina; illuminazione pubblica, arredo urbano, verde pubblico; monumenti e luoghi di pregio ("nessuna valorizzazione e scarse attività culturali"); sport e strutture sportive; discariche, abusivismo, stoccaggio dei rifiuti nell'area del Parco delle Lame; Punta Penna: coesistenza di area industriale e riserva di Punta d'Erce; ex stazione ferroviaria; politiche giovanili ("inefficace azione del centro informagiovani. Nessun rapporto col mondo del lavoro"); mercato comunale di Santa Chiara ("ristrutturazione promessa e non attuata"); Piano spiaggia e accessi al mare ("nessun intervento. Incuria e privatizzazioni"); località Trave ("nessun intervento, degrado e crolli"); piste ciclabili ("assenza controlli, degrado e scomparsa"); ex asilo Carlo Della Penna ("nessun intervento, degrado"); servizi igienici pubblici ("ne è rimasto aperto uno solo"); ufficio finanziamenti europei ("mai creato. L'amministrazione dice di non avere personale adeguato"); tasse e imposte ("costante aumento delle aliquote comunali"). 

Guarda le foto

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     

    Chiudi
    Chiudi