I rapinatori alle vittime: "Niente paura, siamo padri di famiglia" - La rapina alle Poste di Vasto Marina, le testimonianze
Scopri di più CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


12 agosto 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Cronaca 09/05/2013

I rapinatori alle vittime: "Niente
paura, siamo padri di famiglia"

La rapina alle Poste di Vasto Marina, le testimonianze

La porta del retroQuando la direttrice dell'ufficio postale di Vasto Marina è arrivata per entrare dal retro, i rapinatori l'aspettavano. Chissà da quanto tempo si trovavano nel piccolo parcheggio. Appena la donna è andata ad aprire la porta di servizio, i due malviventi, coi cappelli calati sul volto per non farsi riconoscere, le hanno puntato le pistole.

Uno dei due, con accento meridionale, ha cercato di tranquillizzarla: "Non si preoccupi, siamo padri di famiglia", le ha detto. Una a una, appena arrivate, le tre dipendenti dell'ufficio sono state fatte entrare nel bagno. Insieme a loro, a fare a fare la guardia, uno dei malviventi.

L'altro, nel frattempo, svuotava la cassa contenente circa 35mila euro e arraffava i 45mila euro contenuti nel Postamat. Un'operazione, quest'ultima, che avrebbe richiesto una quindicina di minuti. In tutto, un bottino da 80mila euro.

Poi i rapinatori sono scappati. Per arrivare in via Sebenico e in piazza Fiume, dove probabilmente avevano parcheggiato l'automobile, basta scavalcare la ringhiera che si trova a sinistra dell'ingresso principale. Hanno agito da professionisti del crimine. I carabinieri cercano testimoni oculari.

Guarda le foto

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 


Chiudi
Chiudi