Scopri di più CHIUDI [X]
 
Vasto   Attualità 30/04/2013

Gianni Chiodi a Vasto: "Presentato
disegno di legge per macroregione"

Intervenuto in occasione dell’11° congresso regionale della Cisl Abruzzo

Gianni ChiodiNella due giorni di incontri in corso presso l'Hotel Plaza di Vasto da ieri fino ad oggi, in occasione dell'11° congresso regionale della Cisl Abruzzo, alla presenza del leader nazionale del sindacato, Raffaele Bonanni, è intervenuto tra i tanti ospiti anche il presidente della Regione Abruzzo Gianni Chiodi.

"Sulla macroregione adriatica la mia posizione è favorevole - ha dichiarato Chiodi - abbiamo presentato un disegno di legge che prevede la nascita di una macroregione con Marche, Abruzzo e Molise".

Il governatore ha parlato dell'attuale situazione del paese: "Bisogna migliorare, ci devono pensare gli uomini di governo. E' un momento storico difficile, mai una classe dirigente politica e sindacale ha dovuto gestire una situazione così, con disoccupazione, rassegnazione e una serie enorme di privilegi corporativi che non hanno più senso di esistere, purtroppo c'è un conservatorismo molto forte".

"C'è un'assunzione di responsabilità - ha detto il presidente - che viene anche dal mondo sindacale, del patto per lo sviluppo, sono cose che segnano momenti di probabile ottimismo rispetto a questa situazione di crisi, a patto che si capisca bene quali sono le ragioni, perchè adesso non si capiscono. Non basta a evocare al primo posto il lavoro, è uno slogan. Non basta nemmeno evocare rigore e sviluppo, si deve spiegare come".

"Questa non è una crisi finanziaria - ha proseguito - che dipende dalla speculazione, dai titoli, anche i tedeschi hanno certi problemi, ma non vivono la nostra stessa situazione, eppure anche loro hanno dei processi speculativi. La nostra è una crisi strutturale e di competitività, del sistema industriale per il quale per decenni abbiamo sbagliato".

Secondo il governatore ci sono delle possibili soluzioni: "Ogni giorno che passa le nostre imprese perdono quote di mercato internazionale e così facendo non assumono ma licenziano, tante sono le cause, ma la principale è che hanno costi più alti delle concorrenti straniere, oltre alle tasse, che vanno ridotte, come quelle sul lavoro. Noi siamo la nazione con le tasse più pesanti". Il suo auspicio è che si faccia la riforma del mercato del lavoro, per non essere meno al passo delle nazioni che devono fare la competizione con l'Italia, per mantenere occupazione, sicurezza e competitività, perchè la riforma Fornero ha prodotto i risultati opposti per Chiodi.

E a proposito dell'Abruzzo: "E' l'unica regione in Italia e forse in Europa che ha ridotto le tasse, le addizionali regionali sulle imprese e sulle persone fisiche. Abbiamo abbassato il debito pubblico del 25%, eravamo la regione più indebitata nel 2008 con 4 miliardi di debito, oggi ne abbiamo 3. Siamo riusciti a ridurre la spesa pubblica, eravamo la più tassata d’Italia". Tutto anche in accordo con il sindacato che ha contribuito a ridurre debito, tasse e all'attuazione delle riforme.

"Ma si deve fare di più - ha ribadito il presidente - dobbiamo attuarne altre, alcune sono state già fatte. Voglio ricordare che abbiamo i costi della politica più bassi, ai quali le altre regioni si devono adeguare, abbiamo ridotto i vitalizi, i consiglieri sono passati da 45 a 31 e per la prossima legislatura è già pronta legge, da 10 assessori si passerà a 6, mentre i dirigenti sono già diminuiti del 18%".

"Noi siamo tra le quattro regioni italiane che assicurano livello essenziale sanitario. Una buona notizia è che è stato sottoscritto l'accordo quadro infrastrutturale per l’Abruzzo. La crescita dipende da uomini che rischiano, consumano, inventano, dobbiamo fare in maniera tale che questo paese torni a rischiare per questo investiamo in start up di impresa".

Guarda le foto

di Giuseppe Mancini (g.mancini@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi