Sacro Pio Monte dei Morti: Russo riconfermato priore - La confraternita fondata nel 1652
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


4 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Attualità 19/04/2013

Sacro Pio Monte dei Morti:
Russo riconfermato priore

La confraternita fondata nel 1652

I confratelli il giorno del Venerdì SantoL'avvocato Vittorio Emanuele Russo è stato riconfermato alla guida della Confraternita del Sacro Pio Monte dei Morti, fondata a Vasto nel 1652. Per altri 5 anni sarà lui il priore della Confraternita, dopo esserne entrato a far parte circa 60 anni fa. In tanti lo ricordano quando, ancora ragazzo, partecipava alla processione del Venerdì Santo. La confraternita che si caratterizza per la veste rossa, alle sue origini era formata da poche persone, con l'ingresso che si tramandava di padre in figlio. Oggi il Sacro Pio Monte dei Morti, che fa riferimento alla parrocchia di San Pietro in Sant'Antonio e conta 51 appartenenti, ha la custodia della statua del Cristo Morto, portata in processione per le vie della città ogni Venerdì Santo. Proprio quella statua è in fase di restauro, sempre ad opera dei confratelli.

Le altre cariche elettive della confraternita, valide per i prossimi 5 anni vedono Fernando Marchesani riconfermato nel ruolo di segretario. Pietro Reale è il maestro dei novizi. Mario Petrocchi è stato riconfermato quale maestro delle cerimonie. Poi ci sono i consiglieri anziani: Aldo Perrozzi, che per anzianità è anche Vice Priore, i riconfermati Luigi Smargiassi e Rolando Di Nardo. I neo ingressi in consiglio sono quelli di Pietro Reale e Francesco Marzocchetti.

Oltre a curare la processione del Venerdì Santo alla Confraternita da diversi anni è affidata la realizzazione del Sepolcro nella chiesa di Santa Filomena. Quest'anno Fernando Marchesani ha voluto rendere omaggio a don Michele Ronzitti, in quella che è stata la prima Settimana Santa senza lo scomparso sacerdote, attraverso le preghiere e le meditazioni da lui registrate e incise su un nastro. 

di Giuseppe Ritucci (g.ritucci@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi