CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


4 marzo 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Cultura 19/04/2013

Al "Mattei" l’incontro
tra quattro religioni

Scuola

Dalla professoressa Cecilia Mosca riceviamo e pubblichiamo.

Gli alunni dell’Istituto di Istruzione Superiore Enrico Mattei di Vasto sono stati protagonisti martedì 16 Aprile 2013, di un incontro, che si è tenuto nei locali scolastici, con i rappresentanti di alcune confessioni religiose presenti nel territorio del Vastese. L’iniziativa è parte integrante del progetto La libertà religiosa: dalla Costituzione alla realtà del nostro territorio, elaborato su proposta del Parlamento Italiano e del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.

Presenti all’incontro, la Pastora valdese Gianna Sciclone, la signora Rossella Toscano rappresentante della comunità buddista della Regione Abruzzo, Padre Anatoly della Chiesa ortodossa di Costantinopoli ed il signor Hamid Hafdy di religione musulmana. In precedenza gli alunni avevano incontrato Monsignor Bruno Forte, Arcivescovo della diocesi Chieti-Vasto.

Rispondendo alle domande dei presenti, l’esponente di ciascuna fede religiosa ha riportato l’esperienza della propria comunità all’interno del territorio. Quale atteggiamento è emerso? Indifferenza? Tolleranza? O disponibilità al dialogo ed all’integrazione? La risposta è stata solo parzialmente positiva. Di certo, dall’incontro è emersa la necessità che famiglie, scuole ed istituzioni si impegnino ulteriormente in tal senso.

L’Istituto Enrico Mattei, con questa iniziativa, evidenzia la consapevolezza da parte dei docenti della necessità di sviluppare nei giovani la cultura del dialogo e dell’integrazione.

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     

    Annunci di Lavoro

       
       
       
       

      Chiudi
      Chiudi