Morì a 13 anni in ospedale, medici depongono: è il momento decisivo - Vie legali - Sei imputati
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


21 gennaio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Cronaca 17/04/2013

Morì a 13 anni in ospedale, medici
depongono: è il momento decisivo

Vie legali - Sei imputati

L'ospedale San Pio da PietrelcinaCon le testimonianze dei medici è iniziata la fase cruciale del processo per la morte della tredicenne C.D.T., la ragazzina di Carunchio cui una meningite batterica spezzò la giovane vita nella notte del 5 ottobre 2005 dopo una settimana di atroci sofferenze.

La famiglia chiede giustizia. Inizialmente la magistratura indagò su 14 medici, otto dei quali furono prosciolti. Altri sei sono a giudizio dal 2 luglio 2010. E' in corso presso il Tribunale di Vasto il processo finalizzato a fare piena luce sull'accaduto e ad accertare eventuali responsabilità.

L'ultima udienza risale a lunedì. La prossima è in programma il 15 ottobre. Sarà quella decisiva.

La vicenda - La ragazzina era stata ricoverata in ospedale a Vasto il 29 settembre 2005 in preda a forti dolori di testa e, subito sottoposta a consulenza oculistica e neurologica, era migliorata dopo la somministrazione di un antidolorifico. La tac e la risonanza magnetica, eseguite tra 29 e 30 settembre, pare non avessero evidenziato vistosi problemi. Ma alle 4 di notte, purtroppo, la situazione era precipitata dopo un arresto cardiocircolatorio. Nonostante tre quarti d’ora di massaggio cardiaco, la paziente non si era piu’ ripresa a causa di una prolungata anossia che ne ha, di fatto, provocato la morte cerebrale. La notte del 5 ottobre, poco prima dell’una, sono state staccate le macchine che ancora tenevano in vita la ragazzina e non e’ stato possibile l’espianto degli organi, come la famiglia, benche’ distrutta dal dolore, avrebbe voluto.

Ora è arrivato il momento della sentenza.

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     

    Chiudi
    Chiudi