Del Vecchio querela la sorella, l’avvocato di lei: "E’ calunnia" - Il delitto di via Anghella
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


8 aprile 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

bar_chartInfografiche Covid Abruzzo keyboard_arrow_up keyboard_arrow_down

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Cronaca 15/04/2013

Del Vecchio querela la sorella,
l’avvocato di lei: "E’ calunnia"

Il delitto di via Anghella

Raffaele GiacomucciMarco Del Vecchio querela sua sorella per diffamazione e l'avvocato di lei replica dicendo che l'indagato dell'omicidio di via Anghella "risponderà anche del reato di calunnia". Sarà anche una battaglia legale tra fratelli la vicenda giudiziaria scaturita dal duplice assassinio avvenuto a Vasto il 17 novembre scorso. Quel pomeriggio sono stati barbaramente ammazzati nella loro casa con 111 coltellate Emidio Del Vecchio, 78 anni, e sua moglie, Adele Tumini, 75.

Indiziato dell'omicidio è il loro figlio 37enne, Marco Del Vecchio, in carcere a Torre Sinello dalla tarda mattinata del 18 novembre. Lui si professa innocente, dice che non si trovava in casa al momento del delitto e, il 9 marzo scorso, ha querelato la sorella per diffamazione, sostenendo che Nicoletta nelle dichiarazioni rese al sostituto procuratore di Vasto, Enrica Medori, avrebbe "riferito episodi non rispondenti a verità", spiega l'avvocato Raffaele Giacomucci, che difende l'indagato.

Gianni MennaNon è la prima azione legale contro la sorella. "La precedente querela", presentata l'8 ottobre 2012, "per presunti maltrattamenti, assolutamente inesistenti, è stata già archiviata dalla magistratura", ricorda Gianni Menna, avvocato di Nicoletta Del Vecchio e di suo fratello Osvaldo, parti lese in questa triste storia. Riguardo alla presunta diffamazione "abbiamo preso informazioni presso la Procura di Vasto. Aspettiamo le decisioni della magistratura, ma è evidente che la denuncia è strumentale e lascia intendere quali sentimenti pervadano l'animo dell'indiziato. Rispediamo l'accusa al mittente e rimaniamo allibiti di fronte a tanto inutile rancore. In futuro Marco Del Vecchio - sostiene Menna - risponderà anche del reato di calunnia".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Commenti




 

 
 
 

Chiudi
Chiudi