"Quando sono scappato lei era ancora viva e con le mani slegate" - Il delitto di via Villa de Nardis - il marocchino si difende
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


22 gennaio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Cronaca 15/04/2013

"Quando sono scappato lei era
ancora viva e con le mani slegate"

Il delitto di via Villa de Nardis - il marocchino si difende

La casa del delittoNon è completo il puzzle investigativo dell'omicidio Strever. E ora l'arrestato prova a togliere un altro tassello. La versione dei fatti di Hamid Maathaoui non combacia del tutto con quanto accertato dagli investigatori. Il 36enne marocchino è agli arresti da un mese e mezzo per l'uccisione di Michela Strever, la 73enne assassinata il 19 dicembre 2012 nella sua casa di via Villa de Nardis, nelle campagne a Nord Ovest di Vasto. 

L'uomo ha parlato col suo avvocato, Nicola Artese. "E' vero che il mio assistito ha confessato - precisa Artese - ma Maathaoui afferma che la signora era ancora viva quando lui ha lasciato la casa. Non solo. Il 36enne ammette di averle legato le mani, ma dice anche di averla liberata prima di scappare. Però i carabinieri hanno trovato la donna con le mani legate. E questa è una circostanza che va chiarita. Infilando dei fazzoletti di carta nella bocca della donna, Maathaoui non voleva uccidere - sostiene l'avvocato difensore - ma solo ritardare la richiesta d'aiuto".

Il marocchino è in carcere a Torre Sinello dal 28 febbraio scorso. 

La notizia del 12 aprile - La Procura continua a indagare. Nel puzzle investigativo mancano dei pezzi. Zone d'ombra su cui gli inquirenti vogliono far luce. Per questo rimane indagato Antonio Strever. Assistito dall'avvocato Arnaldo Tascione, è stato interrogato negli uffici del primo piano del palazzo di giustizia di via Bachelet. Sulla scena del delitto sono state trovate tracce di sangue del fratello della vittima. L'uomo si professa innocente e dice di essersi tagliato a una mano dopo aver rotto il vetro della finestra da cui la mattina di quel 19 dicembre 2012 è entrato in casa. Ha risposto alle domande dei pm. L'inchiesta non è finita.

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     

    Chiudi
    Chiudi