"Altro che visita al faro, siamo rimasti in fila senza entrare" - Il racconto di un’esperienza deludente
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


28 novembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   L'angolo dei lettori 25/03/2013

"Altro che visita al faro, siamo
rimasti in fila senza entrare"

Il racconto di un’esperienza deludente

Il faro di Punta PennaNon ho parole per descrivere quello che ho visto ieri al faro di Punta Penna dove ero con mio marito e mio figlio di 10 anni. Ho prenotato subito la visita appena letta la notizia sul web, ero felicissima di fare questa sorpresa alla mia famiglia, ma quando ho visto tutta quella confusione e disorganizzazione mi sono accorta che quelli prenotati dentro al Faro non facevano parte di nessuna lista e quindi entravano alla rinfusa.

I rappresentanti del Fai ci hanno lasciati in fila dicendoci dopo ore che saremmo entrati sicuramente, ma loro sono entrati nel faro e noi siamo rimasti lì in fila, poi quando sono usciti dal faro che loro hanno visitato, se ne sono andati e il marinaio di vedetta alle 17.40 è uscito dicendo che il faro non si poteva più vedere perchè ormai era tardi.

A quel punto ci siamo guardati in faccia tutti e abbiamo protestato, ma nessuno ci ha ascoltato e siamo andati via con l'amaro in bocca e tanta delusione. Mio figlio che piangeva e mio marito che si era perso mezza giornata di lavoro senza niente. Questo mi ha fatto capire che le cose fatte così giusto per prendere in giro la gente non si devono fare, perchè noi avevamo prenotato e invece funzionava tutto al contrario, i cittadini non devono più essere presi in giro, è una vergogna!



Cinzia Alberico

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi