Pd, i rottamatori tornano anche a Vasto: elezioni, magro risultato - Tsunami Grillo / 3
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


25 gennaio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Politica 11/03/2013

Pd, i rottamatori tornano anche
a Vasto: elezioni, magro risultato

Tsunami Grillo / 3

Vasto, 1 settembre 2012. Matteo Renzi con Domenico Molino (Pd)"A livello locale mi farò sempre più promotore del cambiamento. Il Partito democratico non deve essere conservatore, ma progressista", ammonisce Domenico Molino. Il rottamatore vastese torna in pista proprio nei giorni in cui a livello nazionale Matteo Renzi ruba la scena a Bersani e si rilancia nella sfida alla leadership di un Pd ferito dal risultato elettorale, che ha segnato la migrazioni di tanti elettori del centrosinistra verso il Movimento 5 Stelle, primo partito in Italia e a Vasto.

E' il momento della delusione e dell'autocritica per la coalizione Pd-Sel. Anche in città, dove i due partiti hanno otto consiglieri comunali, pari a un terzo dell'intera assemblea civica, ma cedono il passo a Grillo e ai suoi sostenitori. Il Pd piazza alla Camera Maria Amato dopo una giornata, quella del 25 febbraio, in cui, visti i risultati altalenanti,  l'elezione del primario di radiologia dell'ospedale San Pio da Pietrelcina non era sembrata poi così scontata. Mentre 5 Stelle fa il colpaccio e riesce a far eleggere al Senato Gianluca Castaldi

Molino invita a riflettere sui numeri usciti dalle urne: "Anche su Vasto - sottolinea il consigliere comunale - c'è una fetta rilevante dell'elettorato che ha chiesto un cambiamento alla politica tutta. Il consenso raccolto da Grillo in città deve far riflettere tutti. Non ritengo che questo sia un voto contro l'amministrazione comunale". Di fronte allo tsunami elettorale "il centrosinistra nel Vastese ha retto meglio che da altre parti. Ma è una magra consolazione".

La rottamazione - Col linguaggio felpato della diplomazia, Molino rilancia la rottamazione: "A livello locale, mi farò sempre più promotore del cambiamento. Il Partito democratico non deve essere conservatore, ma progressista. Nella riunione della direzione regionale del Pd dirò che siamo di fronte a un dato elettorale pesante: in Abruzzo non siamo ancora riusciti a sorpassare il centrodestra". Il centrosinistra è arrivato terzo dietro a Grillo e Berlusconi. E la legislatura regionale scade a dicembre.

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     

    Chiudi
    Chiudi