Debacle Udc, Menna: "Partito affidato agli amici degli amici" - La polemica
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


19 gennaio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Politica 04/03/2013

Debacle Udc, Menna: "Partito
affidato agli amici degli amici"

La polemica

Antonio Menna (Udc)"Lo scudocrociato è l’emblema della storia scritta dai democratici cristiani in oltre 60 anni di vita della politica italiana, una grande storia fatta da uomini e donne che hanno fatto grande l’Abruzzo". Lo ha detto Antonio Menna, capogruppo dell’Udc in Consiglio regionale, accogliendo a Casalbordino oltre duecento persone all’incontro che ha visto la partecipazione dell’ono. Mario Tassone, vicesegretario nazionale dell’Udc. Un’occasione per far parlare la base dopo le recenti scelte dalla direzione nazionale del partito con l’indicazione dei candidati per il Parlamento, che ha raccolto in termini di consenso un misero 1,78% in Italia e ancora meno in Abruzzo con l’1,75% dove la provincia di Chieti "è sempre stato il granaio naturale e fondamentale dei successi dell’Udc. Familiari, amici degli amici e persone esterne al partito e, come in Abruzzo, elette in Consiglio regionale e che continuano a mantenere la loro posizione funzionale al centrodestra di cui nel 2008 siamo stati antagonisti e di cui siamo tuttora opposizione".

Valori, storia e idee che Casini, Cesa e Buttiglione ora vogliono cancellare con l’adesione a un gruppo unico con Monti alla Camera dei deputati che vorrà dire la morte per asfissia dell’Udc. "Con Monti non abbiamo nulla da spartire – ha detto Menna – la nostra è una storia diversa, Monti rappresenta il mondo bancario e dei potentati che nulla hanno a che vedere con il nostro partito interclassista". Menna ha spiegato che l’Udc ha vissuto nel solco di uomini come Luigi Sturzo, Alcide De Gasperi, Aldo Moro, Giuseppe Spataro e Remo Gaspari. Il capogruppo regionale dell’Udc ha voluto affidare a Tassone le istanze dell’Udc abruzzese perché rappresenti, giovedì prossimo 7 marzo nel corso del Consiglio nazionale, la voce del dissenso di chi in questi anni ha rappresentato il centro in Abruzzo avendo il coraggio di presentarsi alle Regionali 2008 in contrapposizione alla destra quanto alla sinistra, con candidato presidente Rodolfo De Laurentiis e raccogliendo come lista il 5,61%.

Nel suo intervento Mario Tassone ha ribadito la sua volontà di «ricostruire un partito che ha ottenuto un risultato disastroso e non ho intenzione di rottamare nessuno, ma voglio salvaguardare i principi ispiratori dello scudocrociato e la sua storia". Analizzando il risultato per la Camera dei deputati Tassone ha detto che "sono stati fatti degli errori in campagna elettorale, ma prima ancora del responso delle urne, eravamo nati come partito di centro moderato di ispirazione cristiana e ci siamo alleati con chi non avevamo nulla a che fare. Abbiamo sostenuto Mario Monti come presidente del Consiglio, ma cosa centra la storia dei cattolici democratici con Monti? Gli abbiamo dato la possibilità di fare il centro, ma ha fallito pienamente". Il vicesegretario nazionale ha insistito sulla necessità di recuperare il valore del popolarismo che ha consentito all’Udc di continuare a esistere dopo la stagione di tangentopoli e la scomparse della Dc. "La vicenda ultima dell’Abruzzo è emblematica, un esempio plastico della visione del Partito che decide tutto a Roma e se ne frega dei dirigenti regionali e del sentire della gente". Tassone non consentirà a nessuno di liquidare l’Udc e in Consiglio nazionale andrà per rilanciare il Partito "perché è un delitto perdere lo scudocrociato per aderire alla lista Monti". Commentando i risultati delle Politiche Tassone ha detto che occorre far partire subito la legislatura e tra i primi atti cambiare la legge elettorale nella consapevolezza che presto si tornerà alle urne per un voto che non fa prevedere stabilità.

Numerosi sono stati gli interventi di amministratori comunali e iscritti all’Udc che hanno voluto manifestare il loro dissenso per quanto è accaduto in questi ultimi mesi nel Partito in Abruzzo.

(comunicato stampa Udc)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     

    Chiudi
    Chiudi