"I rubinetti sono a secco, ma Sasi dice che non ci sono guasti" - Carenza idrica
Timeout- Il confronto tra Bosco e D'Elisa sulla scuola CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


27 novembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   L'angolo dei lettori 22/02/2013

"I rubinetti sono a secco, ma
Sasi dice che non ci sono guasti"

Carenza idrica

Lavori Sasi in corso Garibaldi"Abbiamo i rubinetti a secco, ma secondo la Sasi non ci sono guasti. Eppure fino a mercoledì abbiamo visto l'acqua che fuoriusciva da sotto l'asfalto in corso Garibaldi, dove per giorni una corsia è rimasta chiusa per lavori di riparazione delle tubature". Lo racconta un residente di viale D'Annunzio, zona da anni colpita dalla carenza idrica, problema soprattutto del centro storico di Vasto, dove molte case non hanno serbatoi sufficienti ad affrontare le emergenze. Ma se prima l'acqua mancava solo d'estate, ora il disservizio si verifica periodicamente durante tutto l'anno.

Gli abitanti della zona non ce la fanno più. "La Sasi di Vasto dice che non ci sono guasti. Allora ho telefonato alla sede di Lanciano, dove dal centralino mi hanno detto di aspettare. Una lunga attesa, poi mi è stato detto di riprovare perché non c'erano tecnici a disposizione. A chi dobbiamo rivolgerci?".

La carenza idrica entra nella volata finale della campagna elettorale: dopo l'allarme delle scorse settimane sull'inquinamento da fenoli nel bacino di captazione del fiume Trigno, "vogliamo sapere quali veleni ci sono nell'acqua che beviamo", ha detto Domenico La Palombara ieri sera, nel comizio del Movimento 4 Stelle in piazza Diomede.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi