Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


12 maggio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Cronaca 20/02/2013

Arrivano i detenuti pericolosi:
si trasforma il carcere di Vasto

Torre Sinello non più penitenziario, ma casa lavoro: 200 reclusi da Sulmona

Il penitenziario di Torre SinelloDuecento detenuti pericolosi. Persone che hanno commesso numerosi reati. Arriveranno nel penitenziario di Vasto, che si sta per trasformare: non più carcere, ma casa di lavoro per il recupero di internati di elevata pericolosità sociale. 

"E' vero", conferma il direttore della struttura di pena di Torre Sinello, Massimo Di Rienzo. "Ci stiamo lavorando - spiega a ZonaLocale.it - su disposizione dell'amministrazione penitenziaria. Sarà un cambiamento graduale". Non più carcere nel senso tradizionale de termine, ossia istituto di detenzione in cui vengono reclusi tutti gli arrestati, ma "una casa di lavoro per una diversa tipologia di detenuti: persone di cui è stata riconosciuta la pericolosità sociale a causa di reati reiterati. Si tratta di internati - chiarisce Di Rienzo - che hanno subito più condanne e, dopo averle scontate in un altro penitenziario, verranno condotte a Vasto per intraprendere un percorso di riabilitazione". Quando un imputato viene considerato pericoloso perché ha un'abituale propensione a delinquere, la magistratura, oltre a condannarlo alla carcerazione, può decidere un ulteriore periodo di detenzione finalizzato al reinserimento sociale del detenuto, che svolgerà attività "a carattere lavorativo", spiega Di Rienzo. 

Detenuti da Sulmona - Torre Sinello avrà una capienza di "180-200 posti. I detenuti proverranno quasi tutti da Sulmona", dove esiste un carcere di massima sicurezza. Da lì reclusi, dopo aver scontato la pena, verranno trasferiti nella casa lavoro di Vasto. La trasformazione rientra in un programma nazionale di "ammodernamento del circuito penitenziario. E' un declassamento del carcere? No. Chi sostiene questo - afferma Di Rienzo - probabilmente collega la soppressione del Tribunale al cambiamento di destinazione d'uso di Torre Sinello. Ma sono due cose diverse". 

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi