La protesta: "Nel centro storico acqua solo per 10 ore al giorno" - Crisi idrica
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


1 dicembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Attualità 19/02/2013

La protesta: "Nel centro storico
acqua solo per 10 ore al giorno"

Crisi idrica

Una riparazione nel centro storicoI residenti del centro storico sono indignati: "Vorremmo sapere almeno il motivo per cui nelle nostre case l'acqua viene erogata per non più di 10-11 ore al giorno", chiede un abitante di viale D'Annunzio.

Dopo i molti problemi nelle scorse settimane, in concomitanza con la crisi idrica scatenata dalla contaminazione da polifenoli del bacino di captazione del Trigno e la conseguente erogazione razionata dell'acqua proveniente dallo storico acquedotto del Verde, "da qualche giorno la situazione sembrava essersi normalizzata. Non è così, visto che da sabato siamo tornati a sopportare i soliti disagi. L'erogazione inizia tra le 6 e le 7 del mattino e termina alle 17".

Nel centro storico non tutti hanno serbatoi e autoclave. In altri casi, i contenitori d'accumulo non sono grandi a sufficienza.

"Vorremmo sapere almeno il motivo di questi disservizi. Un vicino di casa è andato in municipio. Gli hanno detto che in questa zona la situazione è disastrosa: servono continue riparazioni perché le tubature sono tutte rotte. Ad altri sono state date spiegazioni diverse. Possibile che non si riesce a venirne mai a capo?".

Da Pasqua del 2012, in corso Garibaldi e corso Plebiscito si sono aperte diverse voragini. I tubi cedono, l'acqua impregna il terreno, che cede, facendo crollare l'asfalto. Negli ultimi due anni la corsia sud di corso Garibaldi è stata chiusa al traffico una decina di volte, con conseguenti disagi per la circolazione lungo l'asse principale del traffico cittadino.

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi