Ospiti: Sabrina Bocchino (consigliera regionale Lega), Gianni Cordisco (segretario provinciale Pd), Michele Spadaccini (imprenditore) CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


4 marzo 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

San Salvo   Cronaca 17/01/2013

Omicidio Paganelli, la perizia
della difesa: "Pagano è incapace"

Il delitto di via Fedro

La casa del delitto"Attendiamo che venga depositata la perizia del consulente tecnico d'ufficio nominato dal giudice. La avremo a breve, al massimo lunedì. La nostra è già stata depositata. Dice che Pagano non era capace d'intendere e di volere al momento in cui sono accaduti i fatti". A svelare a ZonaLocale.it la linea difensiva è l'avvocato Fiorenzo Cieri che, insieme alla sua collega Clementina De Virgiliis, rappresenta Vito Pagano. Il 28enne sansalvese è in carcere a Vasto dal 14 agosto 2012, finito in cella a Torre Sinello a poche ore dalla notte in cui la 68enne Albina Paganelli è stata massacrata con 18 coltellate nella sua casa di via Fedro, a San Salvo.

La perizia della difesa è firmata da Vincenzo Vecchione, che a Campobasso è stato consulente nell'ambito del processo contro Angelo Izzo, il killer del Circeo.

Cristian D'Ovidio e Massimo Di Giannantonio, docenti dell'Università di Chieti sono i periti incaricati dagli avvocati Giovanni e Antonino Cerella, che rappresentano la famiglia Paganelli. La parte offesa, dal canto suo, non vuol sentir parlare di incapacità. Lo studio legale Cerella sostiene, infatti, la tesi opposta, quella dell'omicidio volontario: Pagano sarebbe entrato nella casa della Paganelli portando con sé il coltello, segno dell'intenzione di uccidere.

La delicata fase dell'incidente probatorio si concluderà il 29 gennaio con l'audizione dei periti dinanzi al gip. E' Stefano Ferracuti, professore di psicologia clinica presso l'Università La Sapienza di Roma, il consulente tecnico d'ufficio scelto dalla Procura. I ctu nominati dal giudice per le indagini preliminari sono due: la psichiatra teramana Maria Cinapro e Vittorio Sconci, direttore del Dipartimento di salute mentale dell'Aquila. La loro relazione sarà decisiva: sulla base di quel documento il magistrato deciderà se Vito Pagano era capace di intendere e di volere al momento in cui è entrato nella casa della donna. Le analisi del Ris di Roma hanno confermato la presenza di materiale biologico dell'indagato nella casa della vittima. Dal giudizio sulla capacità d'intendere e di volere deriva l'imputabilità del 28enne, accusato di omicidio volontario. Se fosse riconosciuto totalmente incapace, non potrebbe essere processato. Un'incapacità parziale potrebbe consentirgli di ottenere, ove fosse riconosciuto colpevole, un forte sconto di pena.

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     

    Annunci di Lavoro

       
       
       
       

      Necrologi


        Chiudi
        Chiudi