CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


15 maggio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Cronaca 19/12/2012

Assalto al portavalori, le 3 auto
erano state viste il giorno prima

Rapina sull’A14

Dopo il colpo i rapinatori hanno incendiato le autoErano parcheggiate nella zona del casello di Vasto Nord: Porche Cayenne, Alfa 159 station wagon e Audi A8 sono state avvistate giovedì, il giorno prima della rapina, non lontano dallo svincolo dell'A14. Sarebbe partito da lì il commando che ha messo a ferro e fuoco il tratto vastese dell'autostrada, assaltando il portavalori e aprendolo come una scatola di sardine per rubare 600mila euro.

Polizia e carabinieri devono ancora recuperare 350mila euro del malloppo arraffato dai rapinatori che venerdì scorso hanno sparato a raffica con fucili e kalashnikov sul furgone blindato dell'istituto di vigilanza Aquila di Ortona. Sono in carcere rispettivamente a Vasto e Campobasso Simone Di Gregorio, 35 anni, di San Salvo, e Vincenzo Costantino, 40enne di Cerignola (Foggia). Concorso in tentato omicidio, rapina a mano armata, ricettazione e favoreggiamento: sono queste le accuse formulate, a vario titolo, nei confronti dei due arrestati e delle altre 6 persone ancora ricercate. Il sospetto è che la base del commando si trovi nel Foggiano. Il fatto che le tre auto utilizzate nell'assalto al chilometro 446, sul viadotto Prascovia, e poi bruciate pochi chilometri più a Sud, in località Villaggio Siv, si trovassero vicino al casello, lascia pensare che i rapinatori fossero giunti nel Vastese almeno un giorno prima del colpo.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi