Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


11 maggio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Cronaca 15/12/2012

Assalto al portavalori, uomo
arrestato: faceva l’autostop

Si stringe il cerchio attorno al commando

Il furgone crivellato di colpiStava facendo l’autostop sulla Trignina. Vincenzo Costantino aveva le mani sporche di sangue e il fango addosso, sulle scarpe e sui vestiti. 

La notizia dell’assalto al portavalori tra i due caselli autostradali di Vasto Sud si era già diffusa, quando qualche automobilista di passaggio a Trivento si è insospettito e ha chiamato il 112. 

Ieri, a tarda sera, è finito in manette il secondo componente del commando: Costantino, 40 anni, originario di Cerignola, era già noto alle forze dell’ordine. 

Subito dopo la segnalazione, i carabinieri si sono precipitati sulla statale 650. Agli investigatori non ha saputo spiegare perché fosse da quelle parti e cosa stesse facendo. In tasca aveva un guanto identico a quelli utilizzati dai malviventi nella fuga. 

L'uomo, che ha dei precedenti penali, è stato prima condotto nella caserma della Compagnia di Bojano, poi interrogato e infine rinchiuso nel carcere di Campobasso, a disposizione del pm Fabio Papa, cui è affidato il filone molisano delle indagini. Anche gli altri 2 rapinatori che venerdì, braccati dai carabinieri, hanno abbandonato il furgone e sono fuggiti a piedi non possono essere andati molto lontano. Sono ricercati nell’area trignina. 

Ieri la magistratura di Vasto ha sottoposto a fermo di polizia giudiziaria il presunto basista: è un uomo di San Salvo di cui, fino ad ora, non sono state fornite le generalità.

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi