Omicidio di via Anghella, le indagini: 3 tappe decisive - L’incidente probatorio
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


27 maggio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Cronaca 07/12/2012

Omicidio di via Anghella,
le indagini: 3 tappe decisive

L’incidente probatorio

Roberta Bruzzone e Gianni MennaSessanta giorni per depositare la perizia. Poi, il 12 febbraio, a palazzo di giustizia l'udienza decisiva dell'incidente probatorio in cui si stabilirà se l'indagato era capace d'intendere e di volere al momento in cui è accaduto il delitto. Da questa decisione dipende l'imputabilità dell'uomo: se fosse incapace, non potrebbe essere eventualmente processato e condannato per la morte dei genitori.

Il 4 febbraio è una tappa cruciale nelle indagini per l'assassinio di Emidio Del Vecchio e Adele Tumini, marito e moglie di 78 e 75 anni barbaramente uccisi con 111 coltellate nel pomeriggio di sabato 17 novembre nella casa di via Anghella che condividevano col figlio, Marco Del Vecchio, 37 anni. E' lui l'indiziato dell'omicidio. Difeso dall'avvocato Raffaele Giacomucci, nega ogni responsabilità. Dinanzi ai magistrati ha respinto l'accusa. E lunedì scorso, il giorno della perizia psichiatrica, ha fatto scena muta. Non ha risposto neanche alle domande preliminari che gli ha posto il professor Ferruccio Canfora, il consulente tecnico d'ufficio nominato dal giudice per le indagini preliminari, Stefania Izzi. All'esperto il compiuto di elaborare la perizia e depositarla a palazzo di giustizia entro due mesi, ossia il 4 febbraio. I 12 febbraio l'udienza che chiuderà l'incidente probatorio.

Raffaele Giacomucci"E' presto per parlare, ma ci sono già elementi per fare delle valutazioni", ha detto lunedì Roberta Bruzzone uscendo dal carcere di Torre Sinello. La criminologa nota al pubblico televisivo per essersi occupata di tutti i delitti più misteriosi degli ultimi anni rappresenta insieme all'avvocato Gianni Menna la parte offesa: Osvaldo e Nicoletta Del Vecchio, gli altri due figli dei coniugi defunti. Menna e la Bruzzone chiedono un sopralluogo nella casa del delitto per accertare la dinamica del crimine, elemento che la parte civile ritiene fondamentale per la soluzione del caso.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi