"Si torni nella casa del delitto per ricostruire tutto l’accaduto" - L’omicidio di via Anghella - La parte offesa
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


1 giugno 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Cronaca 05/12/2012

"Si torni nella casa del delitto
per ricostruire tutto l’accaduto"

L’omicidio di via Anghella - La parte offesa

Roberta Bruzzone e Gianni MennaTornare nella casa di via Anghella, dove 18 giorni fa è avvenuto l'efferato, duplice omicidio, e ricostruire passo dopo passo i movimenti dell'assassino e ogni cosa avvenuta in quei drammatici minuti che hanno segnato la vita della famiglia Del Vecchio.

Lo chiedono Roberta Bruzzone e Gianni Menna, criminologa e avvocato di Nicoletta e Osvaldo Del Vecchio i figli del coniugi barbaramente uccisi a coltellate nella loro abitazione di via Anghella. Accusato dell'omicidio è il loro fratello, Marco Del Vecchio, 37 anni, in carcere dal primo pomeriggio del 18 novembre, a poche ore dal ritrovamento dei corpi senza vita di Emidio Del Vecchio, 78 anni, e Adele Tumini, 75.

Ieri l'indiziato, difeso dall'avvocato Raffaele Giacomucci, si è rifiutato di sottoporsi alla perizia psichiatrica. Non ha risposto nemmeno alle domande preliminari rivoltegli dal professor Ferruccio Canfora, il consulente tecnico d'ufficio nominato dal giudice per le indagini preliminari, Stefania Izzi.

Il sopralluogo - Ieri, uscendo dal penitenziario di Torre Sinello, la Bruzzone aveva annunciato la richiesta di "un ampliamento dell'attività d'indagine sulla scena del crimine". Oggi Menna ribadisce che chiederà un sopralluogo del magistrato titolare dell'inchiesta, il pm Enrica Medori, insieme ai carabinieri del Ris, nell'abitazione in cui si è consumato il dramma. Tutto questo per svolgere "importanti accertamenti tecnici, consentendo l'analisi del crimine non solo sotto il profilo statico, ossia le attuali condizioni psichiatriche dell'indagato, ma anche sotto l'aspetto dinamico per capire quando e come si sono svolti i fatti. Sono elementi fondamentali nell'ambito delle indagini e dell'individuazione della responsabilità".

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 

Chiudi
Chiudi