CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


8 marzo 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Cronaca 24/11/2012

Scippo all’uscita dalla chiesa,
la difesa: il marocchino è malato

Ricorso al Tribunale del riesame

Via Anelli"Io e il mio collega abbiamo presentato reclamo al Tribunale del riesame per chiedere la remissione in libertà dei nostri assistiti. Riteniamo non sussistano le condizioni per la custodia cautelare in carcere", afferma l'avvocato Arnaldo Tascione, che insieme al suo collega Vincenzo Chielli, difende I.L., 28enne marocchino, e A.G., 35 anni, vastese, entrambi accusati dello scippo avvenuto lo scorso 5 novembre all'uscita dalla chiesa di Santa Filomena, nel centro storico di Vasto. 

Quel giorno, di pomeriggio, in via Anelli, a due passi da Porta Nuova, un'insegnante in pensione stava uscendo dal sacro tempio al termine delle prove di canto del Coro delle nonne, quando le è stata strappata dal collo la catenina d'oro che indossava. 

Il 6 novembre i carabinieri, al termine delle indagini, hanno arrestato i due presunti responsabili e sequestrato il motorino. 

Tascione, che difende il marocchino, annuncia che "chiederò esami clinici. Il mio assistito è affetto da una malattia incompatibile col regime carcerario".

"Il cliente si dichiara estraneo alla vicenda", ha detto Chielli subito dopo l'udienza di convalida in cui il fermo di polizia giudiziaria non è stato convalidato, ma contestualmente è scattata l'ordinanza di custodia cautelare nel penitenziario di Torre Sinello. 

La difesa ha presentato reclamo al Tribunale del riesame. I giudici aquilani decideranno a dicembre.

Intanto, i carabinieri indagano anche sull'ultimo scippo, avvenuto in via Santa Maria il 20 novembre scorso.

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     

    Annunci di Lavoro

       
       
       
       

      Chiudi
      Chiudi