Tabaccaia rapinata, arrestato uno dei due malviventi - Il 22enne albanese stava per fuggire
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


27 novembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Cronaca 21/11/2012

Tabaccaia rapinata, arrestato
uno dei due malviventi

Il 22enne albanese stava per fuggire

Al centro il tenente Fiorini

A distanza di quasi tre settimane, comincia a chiudersi il cerchio delle indagini attorno ai responsabili della rapina ai danni di una giovane tabaccaia, Daniela Cocco, aggredita mentre rientrava a casa, all'ingresso di un palazzo all'angolo tra via Conti Ricci e via Maddalena. E' stata la stessa vittima della rapina, a fornire indicazioni ai carabinieri circa lo svolgersi dell'episodio.

Il tenente Domenico Fiorini, comandante del Nucleo operativo della Compagnia di Vasto, che ha condotto le indagini, ha illustrato i dettagli dell'operazione che ha permesso di arrestare un 22enne albanese. "Dopo una lunga serie di accertamenti, pur con i pochi elementi raccolti, siamo riusciti a risalire al soggetto autore dell'aggressione".

Il giovane si trovava a San Salvo, ospite di una giovane che ha detto essere la sua compagna. "Non aveva una fissa dimora, ma cercava ospitalità presso connazionali o altri stranieri. Abbiamo proceduto immediatamente al fermo perchè c'era il pericolo di fuga dal territorio italiano", ha spiegato il tenente Fiorini. Le indagini dei carabinieri, che sono state estese a tutto il territorio nazionale, non si fermano, perchè c'è da assicurare alla giustizia anche il secondo responsabile. "Stiamo continuando a lavorare, raccogliendo tutti gli elementi necesari", ha concluso Fiorini.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi