Ritrovati a Isernia i fidanzatini dispersi a Cupello da 7 giorni - Hanno riabbracciato i genitori
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


1 dicembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Cronaca 02/11/2012

Ritrovati a Isernia i fidanzatini
dispersi a Cupello da 7 giorni

Hanno riabbracciato i genitori

La conferenza stampaErano arrivati a Isernia. In macchina vicino a un distributore: è lì che gli investigatori della città molisana li hanno ritrovati nella tarda mattinata di ieri. Sani e salvi. I fidanzatini di Cupello tornano a casa. Hanno già riabbracciato i loro familiari. Ventuno anni lui, 14 lei, erano scappati il 26 ottobre. Da una settimana ormai si erano perse le tracce dei due ragazzi. Una fuga d'amore, che ora è terminata. 

E' stato il capitano Giancarlo Vitiello, nel corso di una conferenza stampa, ad illustrare i particolari della vicenda. I due giovani erano andati via venerdì mattina, nella giornata in cui le scuole vastesi avevano protestato in piazza.

"La fuga non era premeditata", ha precisato il capitano dei carabinieri. Le indagini sono state intense, coordinate dalla procura e seguite dal tenente Domenico Fiorini, neo comandante del Nor di Vasto. Ai carabinieri di Vasto e Cupello si sono uniti quelli della Compagnia di Isernia.

Anche i genitori dei due ragazzi hanno collaborato alla ricerca. In questi giorni i due hanno girato, presumibilmente in macchina. Non avevano cellulari co sè, anche se qualche contatto con le famiglie c'è stato.

Quando i carabinieri li hanno raggiunti i due giovani sono tornati a casa, mostrando dispiacere per il trambusto che hanno creato con la loro fuga. La ragazza minorenne è stata riaffidata alla famiglia. Il giovane è tornato alla sua vita normale. Ora sarà la Procura di Vasto, in base alle informazioni raccolte sulla vicenda, a vagliare la situazione, valutando se la vicenda può assumere rilievo penale. 

Michele D'Annunzio - Giuseppe Ritucci

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi