San Salvo, professori in rivolta: "Niente attività non obbligatorie" - Al Liceo la protesta contro il decreto di stabilità
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


30 ottobre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Attualità 31/10/2012

San Salvo, professori in rivolta:
"Niente attività non obbligatorie"

Al Liceo la protesta contro il decreto di stabilità

Protesta a scuolaLa scuola italiana vive certamente un momento di fermento. La scorsa settimana sono stati gli studenti del vastese a protestare contro il decreto Aprea. Ora sono i docenti, in particolare quelli del Liceo Scientifico Mattioli di San Salvo, a far sentire la loro voce. L'assemblea sindacale indetta dalla RSU ha espresso il dissenso per l'innalzamento delle ore di lezione dei docenti da 18 a 24.

Per questo, il personale docente, ha ritirato la disponibilità allo svolgimento delle attività non obbligatorie e previste dal contratto di lavoro. Oltre a questo, i docenti sansalvesi chiedono "con forza l'apertura delle trattative per il rinnovo contrattuale con un adeguamento stipendiale allineato alla media europea". 

Verranno quindi fermate tutte le attività aggiuntive rispetto alle normali ore di lezione, e non è escluso che vengano messe in atto ulteriori forme di protesta.  I professori del Mattioli ritengono che l'articolo 3 del disegno di legge di stabilità "lede in forma gravissima la dignità e la professionalità del proprio lavoro. Non tiene conto - aggiungono- del fatto che tutti gli insegnanti svolgono una mole impressionante di quello che si definisce lavoro sommerso", con attività il cui monte orario non viene retribuito. 

Altri punti critici sono il possibile "taglio di almeno 30mila posti di lavoro e il sensibile peggioramento delle già difficili condizioni in cui espleta le proprie funzioni poiché ogni docente sarà impegnato in classe per l'intera mattinata senza possibilità di avere il tempo indispensabile per la programmazione, l'organizzazione e la verifica del proprio lavoro".

Oltre a questo, ai docenti non sono andate "giù dichiarazioni indegnamente offensive del personale docente e da comparazioni inesatte con la situazione internazionale", fatte dal Ministro e dai suoi stretti collaboratori.

Ecco perchè i professori del Liceo protestano dicendo "stop" a tutte le iniziative che vanno oltre le canoniche ore di lezione.

di Giuseppe Ritucci (g.ritucci@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     

    Annunci di Lavoro

       
       
       
       
       
       
       

      Chiudi
      Chiudi