"Uastarò", omaggio di Delli Quadri a Lo Vecchio e alla Vastese -Video - Una telecronaca "immaginaria" con i grandi calciatori biancorossi degli anni ’70
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


3 aprile 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

bar_chartInfografiche Covid Abruzzo keyboard_arrow_up keyboard_arrow_down

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Personaggi 28/10/2012

"Uastarò", omaggio di Delli Quadri
a Lo Vecchio e alla Vastese -Video

Una telecronaca "immaginaria" con i grandi calciatori biancorossi degli anni ’70

Gianluigi Delli Quadri"Da ragazzo il mio mito era Tonino Lo Vecchio, il grande bomber della Pro Vasto. Una domenica d'estate lo incontrai al mare, al trabocco di Nicolino Menna. Io non lo conoscevo, per me era solo un idolo di gioventù. Ma mio padre sì. Lo Vecchio si ricordava di lui, ci fermammo a parlare in quella mattina d'estate e poi mi venne l'idea". E' Gianluigi Delli Quadi, poliedrico artista vastese, a raccontare l'episodio da cui nasce "Uastarò". 

"Telecronache di quegli anni non ce ne sono. E così ne ho scritta una io. Lo Vecchio mi raccontò nella nostra chiacchierata che una delle cose più belle che fece fu un doppio tunnel a due avversari durante la partita. Avversari che alla prima azione utile gliela fecero pagare con due falli da espulsione. Su questo flash ho inventato una telecronaca, con i protagonisti della Pro Vasto di quegli anni".

Delli Quadri, mentre preparava lo spettacolo La Zippanne 3, che ha riscosso molto successo quest'estate, si è procurato del materiale "devo ringraziare Raimondi e Amodio, anche loro grandi giocatori biancorossi", per mettere su questo video. "Mancava una voce e allora ho chiesto aiuto a Pino Fiore, grande speaker radiofonico". Ne sono venuti fuori 6 minuti e mezzo di "telecronaca", con i protagonisti del calcio vastese anni '70. "I giorni in cui ho finito di montare il video erano quelli in cui rinasceva la Vastese. Spero sia di buon auspicio per il calcio nella nostra città, oltre a voler rappresentare un omaggio al grande bomber Tonino Lo Vecchio". 

Con questo lavoro Gianluigi Delli Quadri tocca uno degli ambiti che non ancora era stato da lui esplorato. Dopo poesia, teatro, musica, in italiano e dialetto, ora si cimenta in un ambito "multimediale". Per chi quegli anni li ha vissuti sarà un piacevole ricordo e, per chi è troppo giovane per ricordare personaggi ed episodi, è l'occasione per poter conoscere un pezzo di storia del calcio biancorosso.

 

di Giuseppe Ritucci (g.ritucci@zonalocale.it)

Commenti




 

 
 
 

Chiudi
Chiudi