Un anno fa l’omicidio Neila, la difesa valuta l’appello - Il delitto di via Pertini
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


7 agosto 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Cronaca 15/10/2012

Un anno fa l’omicidio Neila,
la difesa valuta l’appello

Il delitto di via Pertini

La palazzina di via PertiniEra il 15 ottobre 2011. Esattamente un anno fa una ragazza lituana di 24 anni, Neila Bureikaite, veniva assassinata con tre coltellate alla schiena in un appartamento di via Pertini, nella parte settentrionale di Vasto. Per quell'assassinio, la scorsa estate è stato condannato il convivente, Matteo Pepe, 44 anni, imprenditore edile originario di Motta Montecorvino (Foggia), ma residente da anni in città.

Un dramma che ha scosso la città dopo ad un ventennio dall'ultimo assassinio. Omicidio volontario. Con questa pesante accusa, al termine del processo, svoltosi con rito abbreviato, il Gup del Tribunale di Vasto, Stefania Izzi, lo ha condannato a 16 anni di carcere. 

Ora, a distanza di un anno dai drammatici fatti accaduti in quella palazzina di via Pertini, la difesa deve decidere se presentare o no il ricorso necessario ad avviare il processo di secondo grado. A giorni gli avvocati di Pepe, Pasquale Morelli e Giampaolo Di Marco, decideranno se il procedimento penale si deve riaprire.

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 

Chiudi
Chiudi