Omicidio di via Pertini, la difesa: "Presentiamo appello" - Vie legali
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


7 agosto 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Cronaca 15/10/2012

Omicidio di via Pertini,
la difesa: "Presentiamo appello"

Vie legali

Matteo Pepe e Neila BureikaiteIl secondo round è praticamente certo. Sarà la Corte d'assise d'appello dell'Aquila a decidere sull'omicidio di via Pertini. Gli avvocati Pasquale Morelli e Giampaolo Di Marco di apprestano a presentare appello avverso la sentenza di primo grado sull'omicidio di via Pertini. "E' pronto, dobbiamo solo depositarlo", conferma Morelli parlando a ZonaLocale.it.

Risale al 15 ottobre 2011 il delitto che ha scosso la città a distanza di un ventennio dall'ultimo omicidio. A un anno esatto, la lista degli omicidi si è allungata: 4 delitti in 10 mesi, 5 vittime in tutto. Un anno fa, in una palazzina di via Pertini veniva assassinata a coltellate la 24enne lituana Neila Bureikaite.

Sedici anni per omicidio volontario aggravato: questa la pena inflitta la scorsa estate nel processo con rito abbreviato dal Gup del Tribunale di Vasto, Stefania Izzi, al convivente della donna, Matteo Pepe, 44 anni, imprenditore edile originario di Motta Montecorvino (Foggia), ma residente da anni in città.

Secondo la difesa, il gesto di Pepe sarebbe frutto di "una situazione di tensione esasperata" creatasi nella coppia, ragion per cui il movente "non può essere definito passionale in senso stretto. Matteo Pepe non è un delinquente e in carcere ha intrapreso un percorso personale finalizzato a trovare delle risposte all'accaduto, ma il suo atteggiamento non è mai stato contrario al processo", nessun espediente per sfuggire alle proprie responsabilità. Per questi motivi, la pena sarebbe "eccessiva, anche perché è caduta l'aggravante prevista dall'articolo 577 del codice penale: omicidio del coniuge". 

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 

Chiudi
Chiudi