"Sosta selvaggia in via Adriatica, servono i dissuasori a scomparsa" - Balconata orientale invasa dalle auto
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


18 gennaio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Attualità 08/10/2012

"Sosta selvaggia in via Adriatica,
servono i dissuasori a scomparsa"

Balconata orientale invasa dalle auto

Via Adriatica, dissuasori spostati"Se la balconata orientale di sabato sera è invasa dalle auto, il Comune installi i dissuasori a scomparsa per evitare che via Adriatica diventi una giungla, com'è successo due giorni fa". Ivo Menna, ambientalista e residente della zona panoramica di Vasto, chiede all'amministrazione Lapenna di intervenire per evitare il ripetersi di scene come quelle viste nello scorso week-end: auto che spostano i cosiddetti panettoni e parcheggiano sull'area pedonale. Via Adriatica è off-limits per macchine e moto dal 2008, anno in cui, terminati i lavori di consolidamento del costone orientale, la strada è stata lastricata e chiusa al traffico.

Ma molti automobilisti non rispettano il divieto, parcheggiando ovunque. Sulla pavimentazione e sui marciapiedi. Piazzetta San Pietro sabato scorso era diventata un parcheggio per motorini. "Il Comune - chiede Menna - installi al più presto i dissuarosi automatici a scomparsa: dispositivi azionati da un telecomando, in modo da consentire, se necessario, il transito di ambulanze e pattuglie delle forze dell'ordine, evitando scene da far west".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     

    Chiudi
    Chiudi