Parcheggio selvaggio in centro, auto invadono strade e marciapiedi - Intervento dei carabinieri in via Adriatica
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


3 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Cronaca 07/10/2012

Parcheggio selvaggio in centro,
auto invadono strade e marciapiedi

Intervento dei carabinieri in via Adriatica

CarabinieriIeri tanta gente ha scelto di trascorrere la serata nel centro storico. Ed ecco che torna il "parcheggio selvaggio". Tempo fa, prima che venisse chiusa la strada, le auto arrivavano addirittura dentro piazza Rossetti. Oggi almeno la piazza è salva, ma facendo un giro in centro se ne vedono di tutti i colori. In via Cavour, dove gli unici spazi per la sosta sono quelli per i motorini, le auto sono lungo tutti e due i lati della strada. 

Piazza Lucio Valerio Pudente, davanti a palazzo d'Avalos, diventa ogni fine settimana un parcheggio, con diverse auto che sostano senza nessun problema. Ieri sera, però, il peggio lo sì è visto in via Adriatica, con le auto parcheggiate lungo i marciapiedi, sia dalla parte di piazza del Popolo che da quella di Sant'Antonio. Addirittura c'è stato chi ha pensato bene di spostare i dissuasori di cemento che bloccano l'accesso all'area pedonale per entrare con la propria auto sul tratto pavimentato non molto tempo fa. 

Scene quasi da Far West, che hanno convinto qualche cittadino a chiedere l'intervento dei carabinieri. I militari, arrivati sul posto, hanno provveduto a ripristinare una situazione di legalità. Il problema è sempre quello del controllo perchè, con la ormai nota carenza di uomini in organico, le forze dell'ordine impegnate sul territorio davvero non sanno dove andare prima.

Ma, per i parcheggi come per tante altre situazioni, una pattuglia fissa a presidio del centro storico nel fine settimana sarebbe una soluzione ideale per evitare che si arrivino a superare i limiti. 

di Giuseppe Ritucci (g.ritucci@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi