"Butti i rifiuti davanti casa mia? Te li metto per cappello" - Cartello in centro per scoraggiare l’inciviltà
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


29 novembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Curiosità 07/10/2012

"Butti i rifiuti davanti casa mia?
Te li metto per cappello"

Cartello in centro per scoraggiare l’inciviltà

Il cartello in centro"Avviso per coloro che abitualmente lasciano buste di immondizia qua davanti. Se vi becco ve lo metto per cappello". L'espressione dialettale è stata "italianizzata", ma il cartello rende bene lo stato di esasperazione di questo residente del centro storico, che evidentemente troppo spesso trova davanti al suo portone rifiuti che non gli appartengono. Il rischio è magari anche quello di ritrovarsi a pagare una multa per infrazioni che non sono le sue.

Con la raccolta differenziata porta a porta non sono pochi quelli che, pur di non rispettare quanto previsto dalle semplici procedure, preferiscono escogitare altre soluzioni che poco hanno di civile. Così questi rifiuti viaggiano in po' da tutte le parti, tra abbandono nelle strade di periferia e, come si vede dal cartello, davanti casa degli altri. Ed ecco che allora i cittadini esasperati le provano un po' tutte per cercare di difendersi da queste situazioni. 

L'avvertimento per chi lascia i propri sacchetti davanti casa di questo residente del centro c'è. "Te lo metto per cappello", come per dire "uomo avvisato..."

 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi