Pilkington, lavoratore reintegrato "E’ stata fatta giustizia" - Esultano Ona e Cobas dopo la decisione del Tribunale di Vasto
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


3 dicembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Cronaca 21/09/2012

Pilkington, lavoratore reintegrato
"E’ stata fatta giustizia"

Esultano Ona e Cobas dopo la decisione del Tribunale di Vasto

Colella e Ranieri"E' stata fatta giustizia. Dopo il recente reintegro di Mario Menna, lavoratore della Bravo, ora tocca ad Alfonso Pacilli della Pilkington. Questa è un'altra battaglia vinta. La decisione della magistratura del lavoro dimostra che non c'era giusta causa di licenziamento", esulta Domenico Ranieri, segretario provinciale della Confederazione Cobas.

Il giudice del lavoro del Tribunale di Vasto, Stefania Izzi, ha ordinato alla Pilkington di San Salvo di revocare il licenziamento e "condanna la società" multinazionale che produce vetro per auto "al pagamento in favore del ricorrente delle spese processuali".   

Soddisfatto Antonio Colella, responsabile per l'Abruzzo e il Molise dell'Ona, osservatorio nazionale sull'amianto: "Salutiamo con favore l'ordinanza del giudice Izzi che, ripristinando pienamente le prerogative contrattuali e costituzionali permette ad Alfonso Pacilli, lavoratore monoreddito, di tornare a svolgere il proprio mestiere". 

Polemiche Pilkington - Intanto è ancora polemica tra i sindacati della Pilkignton. Da un lato i Cobas, dall'altro Cgil, Cisl e Uil. Sono ai ferri corti i rappresentanti degli operai dell'industria che produce vetro per auto nella zona industriale di San Salvo. I Cobas tornano a polemizzare contro la Cgil:

"Il segretario provinciale della Filctem-Cgil, Giuseppe Rucci ci dipinge come dei signornò. Non ci offendiamo, sempre meglio che essere signorsì", è la battuta velenosa di Ranieri.

"Vogliamo solo puntualizzare che i Cobas non dicono no a prescindere, ma che a volte potrebbero, se convinti da un buon accordo, provare a firmarlo; il fatto è, che per una corriva volontà dell'azienda e di Cgil-Cisl-Uil, la nostra RSU e RLS, nonostante  sia stata eletta dai lavoratori , non è convocata alle trattative, nè informata dei progetti aziendali, le viene anche negato l'accesso al registro degli infortuni, le è negato il diritto di assemblea, addirittura le viene  impedito di riscuotere le trattenute sindacali". Inoltre "vedremo se questo accordo sui contratti di solidarietà salverà l'occupazione alla Pilkington. Non vorremmo che le promesse della Pilkington, che intanto ha incassato dal sindaco di San Salvo l'abbattimento dell'Imu, siano come quelle fatte da Marchionne a Bonanni ed Angeletti".       

 

 

 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi