Omicidio, indagini verso la svolta La difesa prepara la carta segreta - Delitto Paganelli, atteso a breve il responso del Ris
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


14 luglio 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita

Infografiche Covid-19

bar_chartAbruzzo

bar_chartComuni

Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

Vasto   Cronaca 21/09/2012

Omicidio, indagini verso la svolta
La difesa prepara la carta segreta

Delitto Paganelli, atteso a breve il responso del Ris

La casa dell'omicidio

Si avvicina il momento cruciale. Sono giorni decisivi per le indagini sull’assassinio di Albina Paganelli, la 68enne massacrata a coltellate nella sua casa di via Fedro, a San Salvo, la notte del 14 agosto scorso. Ormai il termine di un mese che il Ris di Roma si era dato sta per scadere: il 23 agosto i carabinieri specializzati nell’analizzare le prove dei delitti hanno passato al microscopio sangue e materiale biologico trovato sulla scena del crimine.

Dalla vigilia di ferragosto è sottoposto a custodia cautelare Vito Pagano. Il 28enne sansalvese è il principale indiziato del delitto. Rimangono indagati anche il 31enne rumeno Gelu Chelmus, che però ha incassato a suo favore la scarcerazione-lampo e la mancata convalida del fermo di polizia giudiziaria cui era stato sottoposto, e G.G., il giovane sansalvese di cui sono state rese note solo le iniziali. Entrambi sono finiti nel registro degli indagati dopo che Pagano ha fatto i loro nomi durante gli interrogatori dinanzi ai pm Giancarlo Ciani ed Enrica Medori e al gip del Tribunale di Vasto, Stefania Izzi.

La difesa - Sangue sulle scarpe trovate in casa di Pagano e sulle banconote da 50 e 10 euro che aveva nella tasca dei pantaloni. E poi il coltello da cucina che è l'arma del delitto. Questi i reperti analizzati dal Reparto investigazioni scientifiche della capitale, il cui responso sarà decisivo per indentificare il colpevole. 

Intanto, la difesa di Vito Pagano sta per giocarsi una carta a sorpresa: “Lo saprete a breve” , dice a ZonaLocale.it l’avvocato Fiorenzo Cieri, che insieme alla sua collega Clementina De Virgiliis difende l'indiziato numero uno. 

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi