Fresagrandinaria tra i 120 comuni che sperimenteranno il 5G. Il Comune si schiera contro - Il consiglio comunale vota delibera di contrarietà
 

Fresagrandinaria tra i 120 comuni che sperimenteranno il 5G. Il Comune si schiera contro

Il consiglio comunale vota delibera di contrarietà

FresagrandinariaFresagrandinaria è stata inserita tra i 120 comuni italiani scelti dall'Autorità per le Garanzie nelle comunicazioni che sperimenteranno la tecnologia 5G. Il piccolo centro dell'entroterra vastese è l'unico in lista della provincia di Chieti, in Abruzzo ci sono altri 10 comuni interessati (Gagliano Aterno, Civita d'Antino, Morino, Castiglione a Casauria, Brittoli, Canistro, Introdacqua, Barete, Tossicia e Montebello di Bertona).

L'inserimento nella lista non convince però il sindaco Giovanni Di Stefano e il consiglio comunale fresano. L'assise civica (riunitasi il mese scorso, l'11 marzo) ha votato all'unanimità (assenti i consiglieri Giampietro e D'Alfonso) la delibera per esprimere "netta contrarietà alla sperimentazione della rete wireless 5G sul Comune di Fresagrandinaria" impegnando "il sindaco e la giunta a intraprendere ogni altra azione si ritenesse utile per scongiurare detta sperimentazione sul territorio comunale" per "le gravi ripercussioni che questa tecnologia potrebbe avere sulla salute dei cittadini".

Qualche giorno fa, il Comune ha inoltrato la delibera all'Agcom ribadendo la propria contrarietà e facendo proprie le preoccupazioni espresse dal comitato Mcs (che riunisce le associazioni contrarie a questo progetto in tutta Italia) sulla sovraesposizione alle onde elettromagnetiche.
Per assicurare maggiore velocità e accessibilità a questa tecnologia è previsto l'uso di antenne più piccole e più diffuse (smart cells) che sfrutteranno – come supporto – anche gli arredi urbani (lampioni, pensiline, segnaletica ecc.).

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Commenti




 

 
 
 
 
 
 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi