Vasto, il Consiglio approva il bilancio. Battaglia notturna sulle tasse - Polemiche su Imu, Tasi, Tari, addizionale Irpef e imposta di soggiorno
 
Vasto   Politica 03/04

Vasto, il Consiglio approva il bilancio. Battaglia notturna sulle tasse

Polemiche su Imu, Tasi, Tari, addizionale Irpef e imposta di soggiorno

Vasto: votazione elettronica nella seduta di oggi del Consiglio comunale

Approvato il bilancio di previsione 2019-2021. Con il sì della maggioranza di centrosinistra, passa l'indispensabile documento di programmazione contabile. Al termine di una seduta fiume, il bilancio è passato con i voti favorevoli dei 16 consiglieri (sindaco compreso) che sostengono l'amministrazione Menna. Contrari i 5 rappresentanti del centrodestra presenti in aula - Giangiacomo (FI), Suriani e Prospero (FdI), D'Alessandro (Vasto 2016) e d'Elisa (gruppo misto) e i 2 consiglieri del Movimento 5 Stelle, Dina Carinci e Marco Gallo. Assente, al momento del voto, la leghista Alessandra Cappa.

Iniziata alle 9.30, la seduta si è protratta fino a mezz'ora dopo la mezzanotte (con due pause, dalle 13.30 alle 15 e dalle 20 alle 20.30) tra i ripetuti botta e risposta tra maggioranza e opposizione. Oggetto del contendere: le aliquote di Imu, Tasi e Tari, l'addizionale Irpef e l'imposta di soggiorno.

MAGGIORANZA: "PER I VASTESI NESSUN AUMENTO" - "Ad eccezione di un piccolissimo aumento dell'imposta di soggiorno che, va chiarito, non graverà sui cittadini vastesi, nessun aumento c'è stato per le tasse e le imposte che pagano i contribuenti di Vasto, nonostante il governo giallo-verde ha autorizzato i Comuni ad applicare gli aumenti". Così, in una nota congiunta, i consiglieri comunali della maggioranza di centrosinistra commentano l'approvazione del bilancio di previsione, avvenuta nella seduta fiume terminata stanotte.

"A differenza di altri Comuni del nostro territorio nessun aumento a carico dei vastesi con servizi migliorati a partire dall'offerta turistica. Aumentano, invece, i fondi per il sociale - passati da 4 a 5 milioni di euro - così come il fondo per le famiglie bisognose", sottolineano Pd, Psi, Filo Comune e Città virtuosa.

"La lotta all'evasione fiscale ed un'attenzione particolare alle spese, ha consentito all'amministrazione guidata dal sindaco Francesco Menna, di bloccare gli aumenti e migliorare i servizi a partire dalla raccolta differenziata e nuovi servizi ai nuclei familiari. La minoranza - è la frecciata dei gruppi consiliari di centrosinistra - si è distinta, ancora una volta, per un'opposizione sterile, un'azione politica distruttiva per la nostra città, continuando a dare di Vasto un'immagine distorta, con grave danno per la sua promozione turistica e culturale".  


21.15 - È ancora polemica sull'imposta di soggiorno. In serata, sette consiglieri comunali di centrodestra e liste civiche tornano ad attaccare l'amministrazione di centrosinistra in un comunicato congiunto firmato da Suriani, Prospero, Cappa, d'Elisa, D'Alessandro, Giangiacomo e Laudazi: "L'amminstrazione Menna aumenta del 30% l'imposta di soggiorno, dimostrando ancora una volta di essere nemica dell'economia di Vasto, delle forze produttive e di quanti lottano quotidianamente per restare a galla. A nulla è valsa la nostra ferma opposizione. Abbiamo anche presentato una risoluzione per sospendere questo ingiustificato e dannoso aumento, ma è stata bocciata. L'amministrazione Menna continua a succhiare sangue dove non deve per continuare a coprire i buchi di bilancio che si creano per sostenere i soliti noti e oliare la ben nota macchina elettorale. Poi si riesce a dire alle mamme che chiedono il rispetto dei diritti che non ci sono fondi. La verità è che questa amministrazione li trova eccome, ma per sprecarli e non per destinarli a chi ne ha bisogno. Li trova impoverendo il tessuto produttivo e accanendosi contro chi questa città la vuol far crescere e non perire".

21.10 - Approvate anche le aliquote Tari, la tassa sui rifiuti: 15-9 il voto. Al termine del lungo dibattito, durato oltre due ore, e della votazione, Marianna Del Bonifro (Pd) ha chiesto mezz'ora di sospensione della seduta. Approvata. Seduta sospesa. Si riprenderà con la discussione sull'addizionale Irpef.

18.45 - Approvate a maggioranza le aliquote Imu e Tari. Le votazioni sono terminate 13-9 e 16-7.

13.30 - Approvata la delibera sull'imposta di soggiorno: 15 voti favorevoli (la maggioranza di centrosinistra), 9 contrari (centrodestra, liste civiche e M5S). 

Le tariffe si applicano da aprile a settembre. Hotel e residenze turistico-alberghiere a una e a 2 stelle, campeggi, villaggi turistici, centri vacanze, case vacanze, ostelli, affittacamere, B&B, agriturismi: un euro al giorno. Hotel e residenze turistico-alberghiere a 3 stelle: 2 euro. Hotel e residenze turistico-alberghiere a 4 e 5 stelle: 2 euro e 50 centesimi.

Forti critiche dell'opposizione. Guido Giangiacomo (Forza Italia): "Questi aumenti sono un furto ai turisti che vengono a Vasto".

Simone Lembo (Pd): "Il Governo nazionale abolisca l'imposta di soggiorno. Abolitela e tutti i Comuni la elimineranno. Fa scalpore che aumenta, ma nessuno ha detto che dal 2013 non è mai aumentata".
Nel Pd, si registra il distinguo di Sputore, che vota a favore della delibera proposta dall'amministrazione Menna, ma ammonisce: "Ricordiamoci di dialogare maggiormente con gli operatori del settore, perché punti del programma possono essere attuati con il dialogo con le associazioni di categoria".

Al termine del dibattito sull'imposta di soggiorno, il presidente del Consiglio comunale, Mauro Del Piano, ha sospeso la seduta per la pausa pranzo. Si torna in aula alle 15. 

Ore 11 - Inizia la sessione di bilancio. In corso il dibattito sulle tasse: imposta di soggiorno, Imu, Tasi, Tari e addizionale Irpef.

Ore 10.20 - All'interrogazione presentata da Marco Gallo (Movimento 5 Stelle), il sindaco, Francesco Menna, risponde che, dopo il sequestro della terza vasca del Civeta di Cupello, i rifiuti indifferenziati vengono trasportati nell'impianto "di contrada Casoni, a Chieti, di proprietà della Deco spa. I rifiuti organici vengono conferiti al Civeta".

Gallo: "Speriamo possiate tenere informati i cittadini passo dopo passo e scongiurare aumenti. 

Ore 10.15 - All'interrogazione sul concorso per l'assunzione di 5 impiegati comunali, l'assessora al Personale, Lina Marchesani, replica affermando che "è necessario premettere che il decreto numero 90 del 2014 prevede il passaggio diretto di dipendenti in servizio presso altra amministrazione che facciano domanda di trasferimento previo assenso amministrazione di provenienza". Secondo Suriani e Prospero, l'amministrazione ha dato scarsa visibilità all'avviso, non consentendone, di fatto, la conoscenza a tutti i possibili interessati. Marchesani risponde: "Il bando è stato pubblicato per 30 giorni sul sito Internet istituzionale del Comune di Vasto. Nessun obbligo è imposto dalla legge per la pubblicazione degli avvisi di mobilità". Riguardo al concorso, "nel caso in cui i posti non vengano coperti dalla mobilità volontaria, si procederà mediante avviamento degli iscritti nelle liste di collocamento per quelle qualifiche per cui è richiesta la licenza di scuola dell'obbligo". Le assunzioni riguarderanno le qualifiche di messo notificatore, addetto alla registrazione dati, adetto al protocollo. Infine, "si intende favorire la più ampia partecipazione al concorso da parte di coloro in possesso dei requisiti minimi al momento della scadenza del bando".

Suriani non è soddisfatto: "Dove sono i numeri delle qualifiche? Facendo una ricerca su Google, ho trovato circa 90 comuni che pubblicano la procedura di mobilità volontaria. Ora, sul sito Internet del Comune, l'avviso è visibile dopo l'interrogazione, perché prima era infrattato, nascosto sotto un'altra delibera.
Perché al comune di Vasto non servono mai diplomati, ma solo persone con la scuola dell'obbligo?".

LE QUESTIONI - Sessione di bilancio, stamani, in Consiglio comunale. La seduta, convocata per le 9 dal presidente, Mauro Del Piano, sarà dedicata principalmente alle questioni finanziarie e fiscali. Previste, in mattinata, anche sei tra interrogazioni e interpellanze, tra cui quelle su manutenzione del Monumento alla Bagnante, concorso per l'assunzione di cinque impiegati, rifiuti e installazione di antenne della telefonia. 

L'ORDINE DEL GIORNO - Dieci i punti di cui si discute nella seduta odierna:

1. Modifica composizione Commissioni Consiliari 

2. Interrogazioni ed interpellanze 
Interpellanza con prot. n. 15582 del 15.03.2019, presentata dai Consiglieri Comunali Francesco Prospero e Vincenzo Suriani in merito a “Bagnante Vasto Marina – Lavori di manutenzione”; 
Interrogazione con prot. n. 15644 del 15.03.2019, presentata dalla Consigliera Comunale Alessandra Cappa in merito a “Richiesta di informazioni relative all’aumento della Tassa di Soggiorno”; 
Interrogazione con prot. n. 15765 del 18.03.2019, presentata dai Consiglieri Comunali Francesco Prospero e Vincenzo Suriani inerente l’avviso di mobilità volontaria per la copertura di 5 posti di vari profili professionali – Cat. B3” ; 
Interrogazione con prot. n. 15784 del 18.03.2019, presentata dai Consiglieri Comunali Marco Gallo e Dina Nirvana Carinci in merito a “Inquinamento acustico”; 
Interrogazione con prot. n. 15784 del 18.03.2019, presentata dai Consiglieri Comunali Dina Nirvana Carinci e Marco Gallo in merito a “Installazione antenne TIM”; 
Interrogazione con prot. n.16762 del 21.03.2019, presentata dai consiglieri Dina Carinci e Marco Gallo in merito a “ Rifiuti”

3. Imposta di soggiorno anno 2019 – Determinazione tariffe 

4. Imposta unica comunale ( I.U.C.) Approvazione aliquote e detrazioni d’imposta IMU – 
Anno 2019 

5. Imposta Unica Comunale ( I.U.C.) – Approvazione aliquote TASI Anno 2019 

6. Imposta Unica Comunale ( I.U.C.) Componente TARI – Approvazione Piano 
Finanziario e relative tariffe – Anno 2019 

7. Addizionale Comunale all’IRPEF – Anno 2019 

8. Verifica della quantità e qualità di aree e fabbricati da destinare alla residenza, alle attività produttive e terziarie che potranno essere ceduti in diritto di proprietà o in diritto di superficie. 

9. Approvazione della Nota di Aggiornamento al Documento Unico di Programmazione 
(DUP)- Periodo 2019/2021 ( Art. 170 – comma 1 – del D.Lgs. n. 267/2000) 

10. Approvazione del Bilancio di Previsione Finanziario 2019/2021 ( Art. 151 del D.Lgs. n. 
267/2000 e art. 10 del D.Lgs. n. 118/2011)

Guarda le foto

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Commenti




 

 
 
 
 

Chiudi
Chiudi