Tangente tra i cioccolatini, Bonassisa condannato a un anno e 8 mesi - I fatti risalgono al 2016
 
Cupello   Attualità 29/03

Tangente tra i cioccolatini, Bonassisa condannato a un anno e 8 mesi

I fatti risalgono al 2016

Bonassisa all'inaugurazione della terza vascaUn anno, 8 mesi e 26 giorni. È questa la condanna per Rocco Bonassisa, l'imprenditore del settore rifiuti che consegnò al sindaco di Cerignola, Francesco Metta, una scatola di dolci contenente 20mila euro

Oggi, al tribunale di Foggia, si è tenuta l'udienza preliminare durante la quale Bonassisa ha patteggiato la pena. L'altro imprenditore coinvolto nella vicenda, Gerardo Biancofiore, è stato rinviato a giudizio. All'epoca dei fatti Biancofiore e Bonassisa avevano presentato il progetto per la realizzazione del sesto lotto della discarica di rifiuti urbani in contrada Forcone-Cafiero di Cerignola.

Dopo la scoperta del contenuto della scatola, il sindaco Metta denunciò tutto ai carabinieri e raccontò l'accaduto su Facebook [LEGGI]. Bonassisa ammise di aver portato il prezioso omaggio aggiungendo di averlo fatto su indicazione di Biancofiore che invece si è detto sempre estraneo alla vicenda.

Bonassisa da queste parti è noto per la sua vicinanza alla Cupello Ambiente (estranea ai fatti pugliesi), la società che gestisce la terza vasca del Civeta finita sotto sequestro e che ha presentato il progetto di un'altra maxi-discarica [LEGGI]; l'imprenditore – presente due anni e mezzo fa all'inaugurazione della terza vasca, LEGGI – inoltre gestisce anche altri impianti simili finiti nel mirito del tg satirico Striscia la notizia, poi arrivata anche in Valle Cena [LEGGI].

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Commenti




 

 
 
 
 
 
 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi