Casalbordino commemora le vittime delle foibe - Cerimonia e testimonianze in località Miracoli
 
Vasto   Cultura 16/03

Casalbordino commemora le vittime delle foibe

Cerimonia e testimonianze in località Miracoli

Casalbordino: l'apposizione di una corona d'alloro in Largo Vittime delle FoibeSi è svolta questa mattina, in Largo Vittime delle Foibe a Casalbordino, nei pressi della Basilica Madonna dei Miracoli, la celebrazione in ricordo della tragedia delle foibe e dell’esodo istriano, fiumano e dalmata, con le autorità civili, militari e religiose e con il ‘Comitato 10 Febbraio’.

L’iniziativa, organizzata dall’amministrazione comunale di Casalbordino, alla presenza delle scuole del paese, ha visto gli interventi di Marco di Michele Marisi, responsabile provinciale del ‘Comitato 10 Febbraio’, del sindaco di Casalbordino Filippo Marinucci, dell’esule istriana Magda Rover e dell’assessore alla Cultura Carla Zinni. Dopo la deposizione della corona d’alloro e la benedizione data da don Michele, gli intervenuti hanno sottolineato l’importanza del ricordo di una tragedia tutta italiana.

“Ricordare quello che ha subìto il nostro popolo nel secondo dopoguerra al confine orientale per mano dei partigiani, è importante non solo per infondere alle giovani generazioni l’orgoglio di essere italiani, ma anche per costruire una Italia che sappia promettere a se stessa prima che agli altri, che mai più nessun popolo subirà nell’indifferenza e nell’ostilità dei suoi fratelli, dei propri connazionali, quello che ha subìto il popolo giuliano” ha detto di Michele Marisi. Il Sindaco Marinucci, nel suo intervento, ha ricordato come “Casalbordino è stato uno dei primi comuni della regione ad intitolare uno spazio agli italiani uccisi nelle foibe e queste giornate sono importanti e capisaldi della democrazia”.

Commovente la testimonianza di Magda Rover che ha ricordato come “posso raccontare quella storia perché ho avuto la fortuna di non essere stata catturata dai partigiani”.

Infine Zinni ha rimarcato come “Casalbordino onora e onorerà sempre la memoria delle vittime delle foibe. Quest’anno - ha spiegato - la celebrazione si è svolta a marzo e non come di consueto il 10 febbraio, perché sarebbe coincisa con le elezioni regionali e abbiamo ritenuto correttamente di non confondere la storia con la battaglia politica. Un ringraziamento a tutta la classa docente per l’incessante lavoro di formazione culturale che trasmette ai nostri ragazzi cosi’ da renderli sempre edotti degli eventi storici che hanno segnato il nostro Paese”.

Comunicato stampa

Guarda le foto

Commenti




 

 
 

Chiudi
Chiudi