Pagamento debiti del Comune: sì di maggioranza e M5S. Consiglio, d’Elisa nuovo vicepresidente - Un finanziamento per saldare 58 creditori. Centrodestra: "E le imprese vastesi?"
CHIUDI [X]
 
Vasto   Politica 28/02

Pagamento debiti del Comune: sì di maggioranza e M5S. Consiglio, d’Elisa nuovo vicepresidente

Un finanziamento per saldare 58 creditori. Centrodestra: "E le imprese vastesi?"

Alessandro d'Elisa

13,45 - Il sindaco, Francesco Menna, difende la scelta dell'amministrazione di centrosinistra e critica il "no" del centrodestra: "Trattasi per Vasto di quattro milioni e duecento mila euro. Una opportunità a cui hanno aderito tantissimi Comuni. Ciò che spiace constatare è che, in tanti Comuni d’Italia le opposizioni hanno votato  a favore di questi provvedimenti o al massimo si sono astenuti, a Vasto le opposizioni di destra votano per non pagare  i creditori e quindi per le aziende che avanzano somme dal Comune, continuando a giocare allo sfascio e facendo male a questa città. La procedura è stata regolare e trasparente, con il parere del Revisore dei Conti e di tutti gli organi coinvolti. Verranno liquidati coloro che hanno maturato crediti certi nei confronti dell’Ente, liquidi ed esigibili al 31 dicembre 2018. Per cui i creditori non sono scelti dal Comune, come qualcuno vuol far credere, ma bensì in applicazione di chiare disposizioni normative. Da respingere anche le accuse di procedura poco trasparente  in quanto le carte sono state messe a disposizione,  nella riunione dei capigruppo  e nella commissione bilancio. Un ringraziamento - ha concluso il sindaco - agli uffici, ai colleghi di maggioranza ed ai consiglieri del M5S che hanno votato favorevolmente la delibera proposta”.

Ore 13 - Approvata, con i voti favorevoli del centrosinistra e del Movimento 5 Stelle, la variazione al bilancio di previsione che consente di chiedere alla Cassa depositi e prestiti un'anticipazione di liquidità per pagare 4 milioni 200mila euro a 58 creditori del Comune di Vasto.

Contrari i consiglieri comunali di centrodestra. Secondo Alessandro d'Elisa (gruppo misto), "c'è un altro milione e 600mila euro che rimane fuori". Per Vincenzo Suriani (FdI), "manca un'analisi qualitativa dei debiti", di conseguenza "la scelta fatta dall'amministrazione è discrezionale". I pagamenti "andranno a grandi fornitori del Comune", ma "nulla alle piccole imprese vastesi"

Ore 9.51 - È Alessandro d'Elisa (gruppo misto) il nuovo vice presidente del Consiglio comunale. La votazione si è conclusa con 7 voti a suo favore e 13 schede bianche. I vice presidenti sono due: uno in quota di maggioranza, Lucia Perilli, l'altro espressione della minoranza, da oggi Alessandro d'Elisa, che subentra a Davide D'Alessandro, dimoessosi dalla vicepresidenza il 4 gennaio.

Le prime dichiarazioni dell'esponente del centrodestra: "È importante che il ruolo del vice presidente venga preso in considerazione. Ogni iniziativa può essere comunicata al vice presidente che la comunica alla minoranza, senza doverla leggere prima sul sito del Comune o sui giornali. Rappresenterò le istanze dei consiglieri comunali".

I debiti del Comune di Vasto nei confronti delle imprese e il finanziamento chiesto a Cassa depositi e prestiti per ripianarli. Se ne discute oggi nel Consiglio comunale convocato per le 9 dal presidente, Mauro Del Piano. L'opposizione, come ha già fatto la scorsa settimana in Commissione di Vigilanza, chiederà chiarimenti sui criteri con cui l'amministrazione ha stilato l'elenco dei creditori da pagare, che non sono la totalità dei privati in attesa.

DEBITI CON LE IMPRESE - Quattro milioni 200mila euro. Deve pagarli il Comune di Vasto a 58 creditori, per la quasi totalità imprese, che hanno eseguito lavori e fornito servizi. Per liquidare le somme, l'amministrazione Menna ricorrerà a un finanziamento, a tasso d'interesse agevolato, con la Cassa depositi e prestiti. Dei debiti del Comune si è discusso venerdì scorso in Commissione consiliare di Vigilanza e la questione approderà oggi Consiglio comunale per la necessaria approvazione dell'operazione di anticipazione di liquidità. Sarà il principale argomento di discussione della seduta di oggi. Se ne è già discusso la scorsa settimana in Commissione di Vigilanza.

DI COSA SI DISCUTE - Questi i punti all'ordine del giorno del Consiglio comunale

1) Approvazione verbali sedute precedenti del 20 e 28 dicembre 2018;

2) Nomina Vice Presidente del Consiglio Comunale;

3) Anticipazione di liquidità per il pagamento di debiti, di cui all’articolo 1, commi da 849 a 857, della legge 30 dicembre 2018, n. 145 (legge di bilancio 2019) – variazione al bilancio di previsione 2018 – 2020 esercizio provvisorio 2019;

4) Sentenza TAR Abruzzo, sez. staccata di Pescara n. 301/2018 – ottemperanza decreto ingiuntivo del Tribunale di Vasto n. 373/2015. Riconoscimento debito fuori bilancio – creditore Soc. Edilizia Candeloro s.r.l.;

5) Interrogazioni ed Interpellanze

- Interpellanza presentata il 02.11.2018, n.58838 di prot., dal consigliere Francesco Prospero avente in oggetto “Attenzione alle rotatorie intelligenti”;

- Interrogazione presentata il 06.12.2018, n. 65070 di prot., dal consigliere Davide D’Alessandro in merito al “Cartellone Teatro Rossetti”;

- Interpellanza presentata il 12.12.2018, n. 66235 di prot., dal consigliere Francesco Prospero, avente in oggetto “L’ingresso di Vasto Marina abbandonato a se stesso”;

- Interrogazione presentata il 17.12.2018, n. 66761 di prot., dai consiglieri Dina Carinci e Marco Gallo, avente in oggetto: “Interventi sulle zone franose della Loggia Amblingh e di Via Adriatica”;

- Interrogazione presentata il 17.12.2018, n. 66761 di prot., dai consiglieri Dina Carinci e Marco Gallo, sulla qualità dell’aria a Vasto.

Guarda le foto

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Commenti




 

Spazio autogestito a pagamento
Spazio autogestito a pagamento
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi