A San Salvo il M5S resta il primo partito, exploit Lega. Marcello il più votato, poi Marzocchetti - Tracollo di Pd e Forza Italia
 
San Salvo   Politica 11/02

A San Salvo il M5S resta il primo partito, exploit Lega. Marcello il più votato, poi Marzocchetti

Tracollo di Pd e Forza Italia

Tonino MarcelloIl Movimento 5 Stelle resta il primo partito a San Salvo, ma il più votato tra i candidati consiglieri è Tonino Marcello in Azione Politica anche se per un eventuale ingresso in Regione bisognerà attendere i risultati definitivi della circoscrizione provinciale. Marcello, attuale assessore comunale alle Attività produttive, in città ha totalizzato 1.065 preferenze, la sua lista 1.129 voti. Su scala provinciale, quando mancano 6 sezioni, è secondo dietro Gianni Bellisario (1.726) con 1.456.

Dietro c'è il pentastellato Silverio Marzocchetti che è riuscito a superare di poco quota mille: 1.001. Il Movimento 5 Stelle resta il primo partito con 2.159 voti (26,14%) in leggerissimo calo rispetto alle Regionali del 2014 (2.173). Molto più pesante il calo, invece, rispetto alle elezioni politiche di un anno fa, quando il M5S prese la bellezza di 5.251 voti (Camera).
Briciole sansalvesi, invece, quelle riservate al candidato di Vasto Pietro Smargiassi: 160. Il consigliere uscente è secondo in provincia (3.183 preferenze) dietro la Marcozzi (6.360). Difficile per il sansalvese Marzocchetti un ingresso in opposizione; attualmente è quinto in provincia con 2.133 preferenze.

Al terzo posto tra i più votati a San Salvo c'è Fabio Travaglini (Abruzzo Insieme) che ha collezionato 545 preferenze; con 1.069 è secondo dietro Giorgio Marchegiano (1.450) in provincia.

L'altro assessore comunale in corsa, Maria Travaglini, si è fermata a 406 preferenze con Forza Italia che ha preso 708 voti (8,57%). Improbabile il suo ingresso in consiglio: con 981 preferenze nella provincia di Chieti, è la quarta. 

La Lega che qui non aveva candidati locali fa registrare, in linea col trend regionale, un exploit rispetto alle Politiche dell'anno scorso passando dal 6,99% al 21,98%. Forza Italia – che come detto ha totalizzato 708 voti – ha fatto il percorso inverso: dal 24,18% all'8,57%. Gli elettori del partito di Matteo Salvini a San Salvo hanno premiato la vastese Sabrina Bocchino con 461 preferenze e il sindaco di Cupello, Manuele Marcovecchio, con 445. Campitelli, coordinatore regionale, ne ha prese 227.

Il Pd continua il suo crollo passando dal 17,70% del 2014 all'8,93%; un anno fa aveva preso l'11,92% alla Camera. Le maggiori preferenze sono andate all'assessore alla Sanità uscente Silvio Paolucci (365) e alla candidata vastese Lina Marchesani (259).

Per quanto riguarda gli altri sansalvesi, la socialista Gabriella D'Angelo ha totalizzato 103 preferenze in Avanti Abruzzo e per ora è la prima in provincia (412 preferenze) in una lista che però attualmente è ultima della coalizione. Nella stessa lista c'è Antonio Turdò che ha raccolto più voti negli altri comuni che a San Salvo. Nel comune di residenza ha raccolto 24 preferenze, mentre il totale provinciale fa segnare 133 voti.
Chiude infine Evanio Di Varia (Casapound) con 60 preferenze; in provincia al momento ne conta 102.

di Antonino Dolce (a.dolce@zonalocale.it)

Commenti




 

 
 
 
 
 
 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi