La comunità romena vastese festeggia il centenario dell’unità nazionale - Sabato 1 dicembre appuntamento a palazzo d’Avalos
 
Vasto   Eventi 28/11

La comunità romena vastese festeggia il centenario dell’unità nazionale

Sabato 1 dicembre appuntamento a palazzo d’Avalos

Sabato 1 dicembre 2018 alle 17.30, l’Associazione Culturale Vocea Romanilor Vastesi, in occasione della Festa Nazionale, organizza un evento a Vasto per festeggiare il centenario della Grande Unione della Romania (1918-2018 ). 

"La Grande Unione avvenuta nel 1918 - spiega la presidente dell'associazione Irina Ilona Lazar - rimarrà la pagina sublime della storia rumena. La sua grandezza sta nel fatto che il compimento dell’unità nazionale non è opera di un uomo politico, nè di un governo, né di un partito ma è l’azione storica dell’intera nazione rumena. Dopo la partecipazione del piccolo Regno della Romania alla Prima Guerra Mondiale (1916 – 1918), nel 1918 le regioni storiche nelle quali i romeni formavano la maggioranza della popolazione – la Bassarabia, la Bucovina e la Transilvania – decisero la loro unione con la Romania. Cosi, il 1 dicembre 1918, con l’unione della Transilvania, si concluse il lungo processo dell’unità nazionale dei romeni.

L’evento, che si svolgerà nella Pinacoteca di palazzo D'Avalos, avrà come relatore la dott.ssa Violeta Popescu, direttore e fondatore della Casa Editrice Rediviva Milano, che presenterà i lavori dell’Edizioni Rediviva nell’Anno del Centenario, ma anche un breve intervento che marcherà l’importanza del 1 dicembre per i romeni, per la Romania e per l’Europa alla fine della Prima Guerra Mondiale.

I momenti artistici saranno curati dagli allievi e insegnanti della Scuola Rumena di Vasto. Come artista simbolo della giornata, sarà presente la grande cantante Corina Dragomir, che interpreterà parte del suo repertorio. La manifestazione ha ottenuto il patrocinio del Comune di Vasto e dell’ Ambasciata di Romania in Italia. Saranno presenti il Sindaco della Città di Vasto, dott. Francesco Menna, rappresentanti dall’Ambasciata di Romania in Italia e altre associazioni dell’ Abruzzo".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Commenti




 

 
 
 

Chiudi
Chiudi