Maxi sequesto della finanza a Vasto: fucili, pistole, migliaia di munizioni e droga. Un arresto - Rinvenuta anche una pressa per confezionare proiettili
 
Vasto   Cronaca 20/09

Maxi sequesto della finanza a Vasto: fucili, pistole, migliaia di munizioni e droga. Un arresto

Rinvenuta anche una pressa per confezionare proiettili

Una piantagione di cannabis, numerose armi da fuoco, migliaia di proiettili, stupefacente in quantità e attrezzature per confezionare dosi e proiettili. C'è davvero di tutto nel maxi sequestro delle fiamme gialle di Vasto che nei giorni scorsi ha portato all'arresto di un pregiudicato del posto.

"Durante le attività di prevenzione e controllo – spiega una nota della Guardia di finanza – i militari hanno posto sotto osservazione un soggetto con piccoli precedenti penali che nel fondo agricolo da lui gestito, adiacente la sua abitazione, aveva una coltivazione di piante di marijuana fai da te, alte oltre 2 metri, abilmente nascosta tra la vegetazione.

La successiva perquisizione permetteva di rinvenire numerose piante pronte per la raccolta ed il successivo spaccio, oltre a materiale vario per la concimazione e diversi attrezzi agricoli, utilizzati sempre per l’illecita attività. Inoltre, durante la successiva perquisizione domiciliare i militari rinvenivano altra sostanza stupefacente del tipo marijuana, per un peso complessivo di oltre 35 Kg, un bilancino di precisione e materiale per la lavorazione e il confezionamento, gr. 2 di eroina, oltre ad un vero e proprio arsenale composto da due fucili abilmente modificati, completi di mirino, un silenziatore, una pistola semiautomatica, circa 900 cartucce di vario calibro, nr. 300 piombini calibro 22, oltre 200 pezzi tra ogive e parti meccaniche di pistole (fusti, grilletti, carrelli otturatore, aste guida molla, altro) e circa 400 gr. di polvere pirica, nonché una pressa meccanica per il confezionamento dei proiettili.

Il quantitativo complessivo della sostanza stupefacente sequestrata, sul mercato avrebbe permesso di ottenere un illecito profitto di oltre 35.000,00 €. Il responsabile è stato tratto in arresto in violazione degli artt. 73 del D.P.R. 309/90, 2 e 7 della Legge 2 ottobre 1967 n. 895 e 697 c.p. Le indagini sono ancora in corso al fine di individuare una possibile illecita filiera dello stupefacente nonché la provenienza delle armi. L’indagine è il frutto della intensa e costante attività di monitoraggio del territorio coordinata dal Comando Provinciale di Chieti che ha disposto una attenzione specifica sul Vastese, al fine di prevenire e reprimere ogni forma di traffico illecito, non solo a carattere economicofinanziario, nell’ambito delle molteplici funzioni di polizia giudiziaria affidate dalla legge alla Guardia di Finanza".

LA DIFESA - L'indagato è assistito dall'avvocato Gianni Menna, che preferisce non rilasciare dichiarazioni sulla vicenda: "Attendiamo - si limita a dire il legale - l'esito delle analisi di laboratorio sulla sostanza sequestrata e della perizia sulle armi". 

Commenti




 

 
 

Chiudi
Chiudi