"Terme romane tra insicurezza e degrado, il Comune indica un concorso di idee per recuperarle" - Suriani (FdI) presenta un’interrogazione al sindaco
 
Vasto   Politica 20/09

"Terme romane tra insicurezza e degrado, il Comune indica un concorso di idee per recuperarle"

Suriani (FdI) presenta un’interrogazione al sindaco

Vincenzo Suriani (FdI)"Una mozione urgente per restituire alla cittadinanza vastese e ai turisti il complesso termale romano di via Adriatica, da troppo tempo in condizioni precarie di manutenzione e sicurezza. L’ha presentata il capogruppo di Fratelli d’Italia al Comune di Vasto, Vincenzo Suriani: la mozione ha lo scopo di coinvolgere tutte le forze politiche, le associazioni e la cittadinanza in un processo virtuoso di recupero dell’area archeologica". Lo comunica una nota di Fratelli d'Italia. 

“La gestione delle terme romane - afferma Suriani - non può essere solo demandata alle associazioni di volontariato, ma deve essere presa in mano dall'amministrazione comunale, che finora non è stata capace di valorizzare e promuovere un complesso archeologico di assoluto valore, che per troppo tempo è stato lasciato in uno stato di insicurezza e degrado, testimoniato anche dai recenti atti vandalici ai danni del mosaico del Nettuno”.

Suriani propone di "mettere immediatamente in sicurezza l’area, con videocamere e cancellate adeguate e di sostituire i ponteggi danneggiati e le coperture. Nel contempo, la mozione impegna il sindaco a indire subito un concorso di idee, aperto alle scuole e alle associazioni, per raccogliere progetti originali in grado di valorizzare il parco archeologico di Via Adriatica.
È ora di invertire la rotta e di fare ricorso a tutte le energie positive della città per recuperare e portare all’antico splendore il complesso termale. La mozione chiede di dare priorità assoluta a un’opera di messa in sicurezza e di manutenzione delle attuali coperture, per poi realizzare, mediante un concorso di idee aperto alle scuole, alle associazioni, e ai professionisti, un progetto di valorizzazione da sottoporre alla Sovrintendenza. Bisogna agire, e in fretta - conclude Suriani - per evitare che i mosaici subiscano danni irreparabili per colpa di una politica inadeguata e menefreghista”.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Commenti




 

 
 

Chiudi
Chiudi