M5S: "Manutenzione del verde pubblico, ognuno si assuma le sue responsabilità" - La polemica
 
Vasto   Politica 18/09

M5S: "Manutenzione del verde pubblico, ognuno si assuma le sue responsabilità"

La polemica

Dina Carinci e Marco Gallo (M5S)"L’anonimo ufficio conosce già i concorrenti? Oppure pensa che sia il Comune a doversi adeguare alle capacità dei partecipanti alla gara invece che questi ultimi alle richieste del Comune? 
Invitiamo il sindaco a ripensarci, oppure a rendere pubblico un parere scritto dell’anonimo ufficio.  Ognuno assuma con chiarezza le proprie responsabilità".

Il Movimento 5 Stelle di Vasto rivolge una serie di domande al sindaco di Vasto, Francesco Menna, riguardo alla manutenzione del verde pubblico in città. 

"Nell’ultimo Consiglio comunale del  31 luglio 2018 - si legge in una nota dei pentastellati - i consiglieri del M5S, Dina Carinci e Marco Gallo, hanno presentato una mozione che prevedeva l’affidamento della gestione del verde pubblico alla Pulchra e, dopo scadenza del contratto, all’azienda che vincerà la ormai prossima gara per la gestione dei servizi di igiene ambientale.

La mozione, se approvata, avrebbe comportato che i servizi di sfalcio dell’erba e manutenzione del verde pubblico fossero inseriti nel capitolato d’appalto in corso di preparazione.

Le finalità della mozione erano quelle di consentire una gestione stabile, con responsabilità chiare ed accentrate, per far fronte all’attuale insoddisfacente situazione causata da appalti annuali e frazionati, affidati a cooperative non sempre all’altezza dei compiti assegnati. Si sarebbe inoltre potuto procedere all’assorbimento ed alla stabilizzazione del personale, anche precario, attualmente impiegato dal Comune in operazioni di manutenzione del verde.

Il sindaco, in Consiglio comunale, si è detto 'd’accordo in linea di principio' ma impossibilitato a dare il suo parere positivo a causa delle obiezioni di non meglio identificati 'uffici comunali'.
L’obiezione principale di qualche anonimo ufficio è che la gara ha per oggetto anche la cessione della quota di partecipazione nella Pulchra e quindi non si può andare al di fuori dei servizi attuali, che sono esclusivamente quelli di raccolta e spazzamento.

Evidentemente, nell’anonimo ufficio, non conoscono lo Statuto della Pulchra, dove tra i servizi oggetto dell’attività dell’azienda figura anche 'il taglio dell’erba e manutenzione a verde di aree pubbliche e private'.
Risibile anche l’altra obiezione dell’anonimo ufficio riguardante la non possibilità di espletare i servizi di gestione del verde da parte di altri potenziali concorrenti alla gara.

L’anonimo ufficio conosce già i concorrenti? Oppure pensa che sia il Comune a doversi adeguare alle capacità dei partecipanti alla gara invece che questi ultimi alle richieste del Comune?
Invitiamo il sindaco a ripensarci, oppure a rendere pubblico un parere scritto dell’anonimo ufficio.  Ognuno assuma con chiarezza le proprie responsabilità".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Commenti




 

 
 

Chiudi
Chiudi