"La pizza scima riscuote successo nel mercatino di San Salvo" - Tradizioni
 

"La pizza scima riscuote successo nel mercatino di San Salvo"

Tradizioni

Pizza scimaIl mercatino settimanale sta riscuotendo a San Salvo sempre più successo. Fanno bella mostra, nelle bancarelle,  frutta e verdura biologica di stagione, salumi, formaggi, miele, olio, vino, fiori e dolciumi.

Si  tiene ogni lunedì, martedì e venerdì mattina in via Roma. Il martedì è presente una bancarella dove si vende una pizza senza aggiunta di lievito; si chiama “pizza scima”, ossia scema perchè viene preparata senza lievito. Prima era poco conosciuta dai salvanesi.

E’ stato un rivenditore di Casalanguida a stregare il palato dei salvanesi. Il martedì mattina la sua bancarella è affollata di clienti. Naturalmente è molto soddisfatto di essere riuscito a lanciare un prodotto originale. La prelibata pizza con incisioni a forma di rombo è sfornata soprattutto a Casoli, Roccascalegna, Altino, Lanciano, San Vito Chietino. E’ croccante e saporita. Pochi e semplici gli ingredienti: farina di grano tenero, olio extravergine d’oliva, acqua e sale. La pizza è azzima (da qui la “scemenza” della pizza: “acime”, significa infatti azzimo), retaggio delle numerose comunità ebraiche che dal XIII al XVII secolo si insediarono in molti borghi abruzzesi.

Michele Molino, associazione Il Cenacolo

Commenti




 

 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi