Dopo il ricovero in ospedale il venditore di rose picchiato torna al lavoro. E non perde il sorriso - L’aggressione nella settimana di Ferragosto
 
Vasto   Cronaca 27/08

Dopo il ricovero in ospedale il venditore di rose picchiato torna al lavoro. E non perde il sorriso

L’aggressione nella settimana di Ferragosto

Vasto: ospedale San Pio da PietrelcinaNonostante tutto, non ha perso il sorriso. Dopo quattro giorni di ricovero in ospedale, dallo scorso week end Zafar è tornato al lavoro. Ha ripreso a vendere le rose nel centro storico e a Vasto Marina il 35enne ambulante del Bangladesh picchiato il 17 agosto sulla riviera.

Rosario, come lo chiamano comunemente i vastesi, si trovava di sera in viale Dalmazia in sella alla sua bici, quando è stato avvicinato da tre uomini che gli hanno intimato di consegnargli l'incasso della vendita dei fiori. Lui si è rifiutato ed è stato colpito con due pugni, uno all'occhio, l'altro alla bocca.
Non sono riusciti a derubarlo perché i camerieri di un ristorante hanno immediatamente chiamato i carabinieri e i rapinatori sono fuggiti.

Il 35enne è stato portato all'ospedale San Pio da Pietrelcina, dove nei prossimi giorni dovrà tornare per sottoporsi a un intervento all'occhio sinistro.

Intanto, è tornato al lavoro. La brutta esperienza non gli ha tolto il sorriso.

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Commenti




 

 

Chiudi
Chiudi