"Paura degli spiriti" e passaporti trattenuti: migranti bloccano la strada di accesso a Palmoli - Situazione risolta dopo due ore. La singolare motivazione dopo il terremoto
 
Palmoli   Cronaca 17/08

"Paura degli spiriti" e passaporti trattenuti: migranti bloccano la strada di accesso a Palmoli

Situazione risolta dopo due ore. La singolare motivazione dopo il terremoto

Il blocco del 2015Unica strada di accesso a Palmoli bloccata per un paio d'ore stamattina dai migranti ospitati nell'ex convento. La situazione è stata risolta poco fa con la forzatura del blocco e lo sgombero della strada.

I circa 60 ospiti delle strutture presenti (lo Sprar e il Cas gestiti dal consorzio Matrix) hanno bloccato la Provinciale di ingresso al paese. 

A dir poco singolare la motivazione del blocco iniziato intorno alle 6 di stamattina: "Lo hanno fatto – dice il sindaco Giuseppe Masciulli a zonalocale.it – perché i migranti provenienti dall'Africa (in gran parte donne nigeriane) sono convinti che nella struttura ci siano gli spiriti; questo convincimento si è rafforzato con le recenti scosse di terremoto. Non sappiamo se ci sono problemi di altra natura, ma questo è quanto ci hanno detto".
Le donne ospitate già ieri sera, dopo la scossa delle 20.19 avevano espresso la volontà di non dormire nella struttura, molto spaventate dal terremoto.

Al blocco hanno partecipato anche 12 ospiti di nazionalità serba trasferiti di recente a Palmoli da Trieste. L'adesione alla protesta, come confermato sempre dal primo cittadino, è invece dovuto al blocco dei loro passaporti a Trieste che impedirebbe loro la libertà di circolazione.

Quello di stamattina è il secondo blocco della strada da parte dei migranti. Il primo caso – dalle motivazioni più concrete – risale all'aprile del 2015 [LEGGI], quando scesero in strada per denunciare le lungaggini burocratiche per il riconoscimento dello status di rifugiati politici.

Oggi il blocco è stato forzato dopo due ore grazie all'arrivo dei carabinieri dalle stazioni del territorio (Fresagrandinaria, San Buono, Celenza sul Trigno ecc.); la circolazione ripristinata poco prima delle 8. "Questa volta – dice Masciulli – la situazione è stata diversa perché in strada c'erano anche i bambini. Purtroppo devo denunciare ancora una volta le poche pattuglie disponibili, questa volta per la reperibilità limitata dopo la maxi operazione di ieri".
Come accaduto l'altra volta, saranno presi provvedimenti nei confronti di chi ha bloccato la strada [LEGGI].

di Antonino Dolce (a.dolce@zonalocale.it)

Commenti




 

 
 
 
 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi