Centorami (Vasto libera): "Palazzo di giustizia, piani superiori inaccessibili ai disabili" - Il caso: lettere a sindaco, presidente del Tribunale, prefetto e vigili del fuoco
 
Vasto   Attualità 21/07

Centorami (Vasto libera): "Palazzo di giustizia, piani superiori inaccessibili ai disabili"

Il caso: lettere a sindaco, presidente del Tribunale, prefetto e vigili del fuoco

Vasto: il palazzo di giustizia"Nel Tribunale di Vasto è impossibile, per un disabile, accedere ai piani superiori perché l’ascensore non è delle dimensioni sufficienti per far entrare una carrozzella e non ci sono montascale". Lo afferma Carlo Centorami, presidente dell’associazione Vasto Libera, che "nello stesso giorno, trovatosi di fronte a due casi di persone impossibilitate ad usufruire del servizio per raggiungere i piani superiori, ha verificato le aperture degli ascensori  e delle porte interne", si legge in un comunicato del sodalizio.

“Ho protocollato una comunicazione al sindaco di Vasto, Francesco Menna, all’assessore ai Servizi sociali, Lina Marchesani, ed al dirigente preposto; poi, non avendo ottenuto alcuna spiegazione, mi sono rivolto direttamente al presidente del Tribunale di Vasto, dottor Bruno Giangiacomo, dal quale però parimenti non ho ottenuto alcun riscontro” afferma Centorami nel comunicato.

“La situazione di palese contrasto delle attuali regole sulle barriere architettoniche proprio nel Palazzo di Giustizia, si è evidenziata in tutta la sua forza morale e materiale”, sostiene Centorami, chiedendo se “le regole di adeguamento dettate dalle normative in materia di barriere architettoniche e direttive di raccordo con le leggi antincendio siano rispettate al fine tutelare quelle categorie di persone che abbisognano di accorgimenti elementari importanti, i quali però, sembrano mancare paradossalmente proprio nel Tribunale di Vasto”.

"Pur notando la presenza di scivoli e rampe di accesso alle aule di udienza - ha scritto il presidente della'associazione Vasto Libera nella missiva indirizzata, il 3 maggio scorso, al presidente del Tribunale - è incontrovertibile che l’apertura dell’ascensore di settanta centimetri sui tre piani, la dimensione di alcuni ambienti corrispondenti, appaiono insufficienti alla fruizione a persone costrette in carrozzella. Il verso di apertura delle porte con presenza di vetro e chiusura a molla contraria a quella di esodo, apparentemente non sembrano adeguate. Mi  pare non aver notato, infine, la minima presenza di un bagno per diversamente abili”, sottolinea Centorami, che ha "esteso l’appello a verificare anche alle associazioni dei diversamente abili affinché si battano per la messa a norma dell’edificio pubblico di Via Bachelet. Ritengo opportuno  informare sia il signor Prefetto di Chieti, Antonio Corona, sia il comandante dei Vigili del Fuoco, ingegner Mauro Malizia, su quanto riferito, onde ottenere certezza sull’agibilità prevista per legge per i locali del Tribunale. L’amministrazione comunale - conclude il referente del sodalizio - dovrebbe avere la sensibilità di occuparsi seriamente di questo tema dando risposte certe e definitive invece di trincerarsi nel silenzio. È il rispetto della disabilità cui tutti si potrebbe essere coinvolti direttamente o indirettamente, che dovrebbe essere di impulso e forte stimolo alla chiarezza”.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Commenti




 

 
 
 
 

Chiudi
Chiudi